Chi Siamo

L’obiettivo

L’Osservatorio delle libertà ed istituzioni religiose (OLIR) contiene dati, informazioni, riflessioni e idee su tutto ciò che riguarda il diritto e le religioni: in Italia innanzitutto, ma anche in altri paesi. Esso non intende fornire soltanto materiali giuridici, ma anche organizzare questi materiali in pagine dove essi sono accompagnati da riflessioni, indicazioni bibliografiche, riferimenti per ulteriori approfondimenti. L’obiettivo di OLIR è dunque quello di costituire qualcosa di più di una semplice banca-dati: le leggi, le sentenze, i documenti contenuti in questo sito costituiscono infatti il punto di partenza per un percorso che consenta al lettore di ottenere un’informazione, sintetica ma completa, sulla tematica a cui è interessato.

La struttura operativa

La redazione di OLIR.it (redazione@olir.it) è attualmente costituita da Stella Coglievina, Roberta Colombo, Anna Gianfreda, Daniela Milani, Alessandro Tira e Alessandro Negri. Daniela Milani, oltre a dirigere la redazione, si occupa delle sezione Riviste (daniela.milani@olir.it), Roberta Colombo e Alessandro Negri dei Documenti (roberta.colombo@olir.it), Stella Coglievina dei Libri (stella.coglievina@olir.it) e Anna Gianfreda delle News (anna.gianfreda@olir.it). 

La storia di OLIR e le collaborazioni

L’Osservatorio delle libertà ed istituzioni religiose (OLIR) nasce nella seconda metà degli anni ’90 da un’iniziativa di tre Università italiane, Milano (prof. Silvio Ferrari), Genova (prof. Giovanni Varnier) e Salerno (prof. Valerio Tozzi) sostenuta finanziariamente dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e con il contributo di Antonio G. Chizzoniti, che si è occupato della creazione e della gestione del sito fino al 2013.

L’Osservatorio delle libertà ed istituzioni religiose (OLIR.it) si è avvalso di finanziamenti:

  • CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) per una ricerca sul tema “Osservatorio giuridico delle minoranze religiose in Italia”, sviluppata presso le Università di Milano (Silvio Ferrari), Genova (Giovanni Varnier) e Salerno (Valerio Tozzi)
  • FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base) del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca scientifica per una ricerca sul tema “Diritti della coscienza e protezione della libertà religiosa in una società multiculturale” sviluppata presso l’Università: degli Studi di Milano (Silvio Ferrari), l’Università Cattolica del S. Cuore – Sede di Piacenza (Romeo Astorri e Antonio G. Chizzoniti), L’università degli Studi del Piemonte orientale “Amedeo Avogadro” – Sede di Alessandria (Roberto Mazzola) e l’Università degli Studi di Roma – Tor Vergata (Cesare Mirabelli).
  • PRIN (Programmi di Ricerca Scientifica di Rilevante Interesse Nazionale) del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca scientifica per una ricerca sul tema “Il finanziamento delle confessioni religiose nei paesi dell’Unione Europea. Fondamenti normativi e modelli organizzativi” sviluppata presso l’Università Cattolica del S. Cuore di Milano (Giorgio Feliciani, Romeo Astorri e Antonio G. Chizzoniti), l’Università degli Studi di Milano – Statale (Silvio Ferrari), l’Università degli Studi di Firenze (Francesco Margiotta Broglio) e l’Università degli Studi di Perugia (Giovanni Barberini e Anna Talamanca).
  • PRIN (Programmi di Ricerca Scientifica di Rilevante Interesse Nazionale) del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca scientifica per una ricerca sul tema “Religioni e coesione sociale nei sistemi giuridici europei. Modelli istituzionali di dialogo tra Stati e comunità religiose nei paesi dell’Unione europea” con sede amministrativa nazionale presso l’Università Cattolica del S. Cuore di Milano (Giorgio Feliciani coordinatore nazionale, Romeo Astorri e Antonio G. Chizzoniti).

Collabora stabilmente con Ufficio Studi e Rapporti Istituzionali – Servizio per i rapporti con le confessioni religiose e per le relazioni istituzionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri d’Italia (dott.ssa Anna Nardini); con Ufficio Nazionale per i problemi giuridici della Conferenza Episcopale Italiana e con altre istituzioni nazionali ed internazionali religiose ed accademiche.