dossier
in evidenza
Revista general de derecho canónico y eclesiástico del Estado, Num. 43, gennaio2017

Revista general de derecho canónico y eclesiástico del Estado, Num. 42, ottobre2016

Apollinaris, Num. 2, 2015

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 1-3, gennaio2017

exLege, Num. 4, 2015


ultimi documenti
Sentenza 8 febbraio 2017
n. 3315
(Matrimonio concordatario e convivenza ultratriennale - Corte di Cassazione - Civile)

Legge 25 gennaio 2017
n. 9
(Istituzione della giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo - Parlamento)

Sentenza 9 febbraio 2017
n. 6061
(Auto-addestramento al terrorismo - Corte di Cassazione - Penale)

Legge regionale 1 febbraio 2017
n. 2
(Istituzione dell'osservatorio regionale per i minori - Regione Calabria)

Deliberazione della Giunta regionale 20 dicembre 2016
n. 1184
(Approvazione schema Protocollo regionale per la prevenzione ed il contrasto della violenza nei confronti di donne minori e fasce deboli. Disposizioni in materia di percorso assistenziale in caso di violenza sessuale e domestica - Regione Liguria)

Sentenza 31 gennaio 2017
n. 2487
(Trascrizione nei registri dello stato civile di matrimonio celebrato all'estero tra persone dello stesso sesso - Corte di Cassazione - Civile)

Messaggio 25 gennaio 2017 (Messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell'insegnamento della religione cattolica nell'anno scolastico 2016-2017 - C.E.I.)

Varie 1 febbraio 2017 (Patto nazionale per un Islam italiano, espressione di una comunità aperta, integrata ed aderente ai valori e principi dell'ordinamento statale - )

Decreto legislativo 19 gennaio 2017
n. 5
(Adeguamento delle disposizioni dell'ordinamento dello stato civile in materia di iscrizioni, trascrizioni e annotazioni, nonche' modificazioni ed integrazioni normative per la regolamentazione delle unioni civili [in vigore dall'11/2/2017] - Governo)

Sentenza 24 gennaio 2017
n. 25358/12
(Grand Chamber: Case of Paradiso and Campanelli v. Italy - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)


CELI - Luterani
stampa

I Cristiani luterani sono, oggi, una settantina di milioni e per la maggior parte vivono nel Nord Europa (Germania, Svezia, Danimarca, Finlandia, Norvegia), quasi dieci milioni vivono negli Stati Uniti, il resto in India, Brasile, Tanzania. La loro denominazione deriva dal fatto di seguire gli insegnamenti del riformatore tedesco Martin Lutero (1483-1546). 

Negli anni immediatamente successivi alla predicazione di questo monaco riformatore, il luteranesimo diviene la religione ufficiale in vari Stati dell'Europa settentrionale ed in molti dei principati tedeschi. Nel 1817 la chiesa imperiale germanica favorisce l'unione tra le Chiese luterane e quelle calviniste, unione che approda alla costituzione di un tipo di chiese che si definiscono evangeliche, per sottolineare come l'unico fondamento della loro confessione di fede, del loro culto, dei loro sacramenti, della loro etica e dottrina sia l'Evangelo di Gesù Cristo, contenuto nella Sacra Scrittura. Nel 1947 viene fondata la Federazione Luterana Mondiale, che riunisce la maggior parte delle Chiese luterane.

In Italia, dove si sono costituite, già a partire dal XVI secolo, alcune comunità luterane (quella di Venezia, la più antica, e quelle di Trieste, Roma, Napoli, Milano, Genova, Sanremo, Bolzano, Firenze), soltanto nel 1948 inizia il movimento unitario che porta alla costituzione della CELI, Chiesa evangelica luterana in Italia, la quale conta, oggi, circa 7000 membri, in buona parte di origine tedesca. L'unione viene favorita dalla Federazione Luterana Mondiale.

Unità fondamentale della CELI è la parrocchia. La CELI è diretta con "comune responsabilità" dal Sinodo, dal Concistoro e dal Decano e il suo primo statuto è stato approvato dal Sinodo del 1958 e poi approvato con il d.p.r. 16 maggio 1961, n. 676 che con una dizione impropria riconosceva la personalità giouridica alla “Chiesa Evangelica Luterana in Italia”.

Il Sinodo del 22-24 maggio 1971 deliberà un nuovo statuto approvato con il d.p.r. 7 marzo 1975, n. 192 che, corregendo la precedente imprecisione con una affermazione tecnicamente più corretta fa riferimento "all'istituto di culto acattolico denominato "Chiesa Evangelica luterana in Italia". Lo Statuto del 1971 è stato, da ultimo, sostituito, da quello deliberato nel gennaio 2004.

La CELI è una Chiesa aperta dal punto di vista ecumenico: insieme a Valdesi, Metodisti, Battisti ed Esercito della Salvezza è membro fondatore della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia; della Federazione Luterana Mondiale, della Conferenza delle Chiese Europee e della Community of Protestant Churches in Europe (CPCE). Inoltre, ha stretti contatti con la Chiesa Evangelica di Germania e con l'Unione delle Chiese evangeliche Luterane in Germania. Con la Chiesa evangelica di Confessione Augustana in Slovenia ha stretto un gemellaggio. La CELI è impegnata nel dialogo ebraico-cristiano ed è membro della Commissione Luterana Europea per Chiesa ed Ebraismo che conduce il dialogo già da tempo in maniera intensa.

I rapporti tra la CELI e lo Stato italiano sono regolati dalla legge 29 novembre 1995, n. 520, che ha dato approvazione all'intesa stipulata il 20 aprile 1993, secondo la previsione dell'art. 8, comma III, Cost.



In osservanza delle vigenti disposizioni del Garante Privacy si comunica che questo sito potrebbe utilizzare cookie ed altri strumenti per fornire servizi in linea con le preferenze di chi lo visita e per eseguire statistiche. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente ad utilizzare i cookie e gli altri strumenti impiegati   Leggi tuttoOk