dossier
in evidenza
Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 24-26, luglio2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 20-23, giugno2017

exLege, Num. 1, 2016

Il Diritto ecclesiastico, Num. , 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 15-19, maggio2017


ultimi documenti
Sentenza 20 luglio 2017 (L’appello alla jihad,diffuso attraverso i mezzi di comunicazione, non rientra nell'ambito tutelato della libertą di espressione - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Sentenza 27 giugno 2017 (Grande Camera: La condanna per diffamazione per asserita islamofobia non viola il diritto alla libertą di espressione - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Sentenza 15 giugno 2017 (Mancata registrazione dell’atto costitutivo di un’associazione rappresentativa di una comunitą minoritaria islamica e violazione del diritto alla libertą religiosa - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Decreto legislativo 3 luglio 2017
n. 117
(Codice del Terzo settore, a norma dell'articolo 1, comma 2, lettera b), della legge 6 giugno 2016, n. 106 - Governo)

Decreto legislativo 3 luglio 2017
n. 112
(Revisione della disciplina in materia di impresa sociale, a norma dell'articolo 2, comma 2, lettera c) della legge 6 giugno 2016, n. 106 - Governo)

Decreto legislativo 3 luglio 2017
n. 111
(Disciplina dell'istituto del cinque per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche a norma dell'articolo 9, comma 1, lettere c) e d), della legge 6 giugno 2016, n. 106 - Governo)

Legge 12 luglio 2017 (Malta: Marriage Act and other Laws (Amendment) Act, 2017 - Parlamento)

Sentenza 11 luglio 2017 (Belgio: il divieto di indossare il velo integrale in pubblico non viola il diritto al rispetto della vita privata e alla libertą di pensiero, coscienza, religione - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Motu proprio 11 luglio 2017 (Lettera apostolica in forma di «Motu Proprio» del sommo Pontefice Francesco “Maiorem Hac Dilectionem” sull'offerta della vita - Pontefice)

Lettera 15 giugno 2017 (Lettera della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ai Vescovi sul pane e il vino per l’Eucaristia - Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Cittą Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Cittą Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de Espańa - Parlamento)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Regio decreto 9 giugno 2006,n.710/2006 (Desarrollo de los Acuerdos de Cooperación firmados por el Estado con la FEREDE, la FCI y la Comisión Islįmica de Espańa, en el įmbito de la asistencia religiosa penitenciaria - Ministerio de la Presidencia)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Interrogazione 15 maggio 1998
Interrogazione parlamentare sul rapporto della Direzione centrale polizia di prevenzione

Autore: Camera dei Deputati
Data: 15 maggio 1998
Argomento: Nuovi movimenti religiosi
Nazione: Italia
Parole chiave: Soka Gakkai, Discriminazione, Fini illeciti

Camera dei Deputati. Interrogazione parlamentare degli onorevoli Giovine e Maselli ai Ministeri dell’Interno, di Grazia e Giustizia e degli Affari Esteri sul rapporto della Direzione centrale polizia di prevenzione "Sette religiose e nuovi movimenti magici in Italia", 15 maggio 1998.

(Da "Atti Parlamentari" - XIII Legislatura - Allegato B ai Resoconti - Seduta del 15 maggio 1998)

Giovine e Maselli. - Ai Ministri dell'Interno, di Grazia e Giustizia e degli Affari Esteri - Per sapere - premesso che:

circa due anni fa, la Divisione Generale degli Affari dei Culti del ministero dell'Interno produsse un elenco di 33 confessioni religiose ed enti di culto, informando che questa prima parziale lista era in corso di completamento, sulla base di richieste specifiche fatte all'attuale Ministro dell'Interno da organi parlamentari;

in data 29 aprile 1998, l'agenzia Ansa divulgava ampi stralci di un rapporto della Direzione centrale polizia di prevenzione (Dipartimento della pubblica sicurezza) su "Sette religiose e nuovi movimenti magici in Italia", rapporto recante la data febbraio 1998. In tale rapporto si procede ad una valutazione generale delle "sette" in relazione all'articolo 8 della Costituzione, e si esprimono giudizi su alcune di esse, anche in base alla loro eventuale pericolositą. In alcuni casi, pur trattandosi di gruppi che "non hanno mai dato adito a rilievi di sorta (e che) esuleranno quindi dalla nostra analisi" (pagina 9 del rapporto), si esprimono giudizi e si creano connessioni logiche che possono autorizzare, una volta divulgate dai media, un giudizio negativo e un allarme sociale;

nel caso della pratica della Soka Gakkai, associazione buddista che conta in Italia 22.000 membri, si osserva nel rapporto che si tratta di "dottrine e pratiche rituali spesso molto distanti dalle confessioni di origine", quasi a indicarne una valenza eretica, aggiungendo in particolare che nel caso del "buddismo della Soka Gakkai, basato sul Sutra del Loto, la massima autoritą buddista sulla Terra, il Dalai Lama, non (la) riconosce", adombrando cosģ una specie di scomunica di una autoritą religiosa che in realtą č tale solo per una delle numerose denominazioni buddiste;

a rafforzare nell'opinione pubblica la netta impressone che i movimenti religiosi di origine asiatica diventino "pericolosi" appena trapiantati in Italia, magari da "personaggi ambigui o con intenzioni truffaldine" che si accreditano come "guru", a pagina 14 del rapporto si legge che occorre tenere conto che "molte delle nuove sette importate dall'estero hanno assunto una fisionomia affatto diversa da quella della patria di origine" con la sottolineatura che "la Soka Gakkai italiana appare molto distante (anzi, sembra sia stata addirittura "scomunicata") dalla "Casa madre" giapponese". Con questo tipo di presentazione, si induce inequivocabilmente l'impressione che la Soka Gakkai sia in qualche modo "eretica" e quindi potenzialmente pericolosa, contraddicendo la precedente affermazione secondo cui non si riteneva doversene occupare nel rapporto in esame;

la tradizione plurisecolare del buddismo di Nichiren č riconosciuta in tutto il mondo come facente parte del movimento religioso buddista. L'Associazione italiana Soka Gakkai, che pratica gli insegnamenti di Nichiren, č in Italia in costanti e amichevoli rapporti con l'Unione buddista italiana (ente religioso riconosciuto con decreto del Presidente della Repubblica 3 gennaio 1991) che raggruppa 32 centri italiani che praticano il buddismo secondo le tradizioni Theravada (Sud-est asiatico), Mahayana Zen (Estremo Oriente), Vajrajana (Tibet). L'UBI ha in corso da tempo una trattativa per un'intesa con lo Stato italiano ai sensi dell'articolo 8 della Costituzione, intesa analoga a quelle gią esistenti con altri culti ammessi:

se il Governo sia al corrente del contenuto del rapporto intitolato "Sette religiose e nuovi movimenti magici in Italia";

quali esperti e studiosi siano stati consultati per la stesura di detto rapporto e con quali criteri essi siano stati selezionati;

se il Governo condivida l'impianto ideologico, le valutazioni, le scelte che le discriminazioni e risultano nel rapporto;

se il Governo ritenga che la compilazione e la diffusione ai media di questo rapporto č lesiva dei diritti sanciti dall'articolo 8 della Costituzione e crei un clima generalizzato di intimidazione e di discriminazione che risulta lesivo delle libertą individuali degli adulti affiliati simpatizzanti di alcune almeno delle "sette" elencate;

se non si ritenga che il codice penale vigente non tuteli a sufficienza i cittadini dall'azione di singoli che agiscano, in qualsiasi campo, e non solo in quello "religioso", per il perseguimento di fini illeciti.