dossier
in evidenza
Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 20-23, giugno2017

exLege, Num. 1, 2016

Il Diritto ecclesiastico, Num. , 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 15-19, maggio2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 12-14, aprile2017


ultimi documenti
Decreto 15 marzo 2017
n. 107
(Arcivescovo di Monreale: non possono essere ammessi all'incarico di padrino di battesimo e di cresima coloro che si sono resi colpevoli di reati disonorevoli o che con il loro comportamento provocano scandalo - Vescovo di Monreale)

Comunicato 17 giugno 2017 (Comunicato del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale sulle conclusioni del primo “Dibattito Internazionale sulla Corruzione” - Santa Sede - Italia)

Decisione 8 giugno 2016
n. 467-116
(Milano: Radio Maria - Libertà di espressione e unioni civili - Ordine dei giornalisti (Consiglio di Disciplina Territoriale))

Delibera 19 gennaio 2017
n. 51/2016
(Roma:Radio Maria - Libertà di espressione e unioni civili - Ordine dei Giornalisti (Consiglio di Disciplina Nazionale))

Decisione 13 giugno 2017
n. 322
(Milano: Libero - Libertà di espressione e critica all'Islam - Ordine dei giornalisti (Consiglio di Disciplina Territoriale))

Sentenza 21 giugno 2017
n. 3058
(Diritto della persona che versa in stato vegetativo all'autodeterminazione terapeutica - Consiglio di Stato)

Legge 6 marzo 2016
n. 16-01
(Algeria: Legge di revisione costituzionale e introduzione della libertà di culto (art. 42) - Parlamento)

Sentenza 18 gennaio 2017 (Milano: comportamenti compulsivi di natura religiosa e addebito della separazione - Tribunale)

Risoluzione 19 giugno 2017
n. 72
(Chiarimenti in merito alle modalità di pagamento delle erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose deducibili dal reddito complessivo - Agenzia delle Entrate)

Sentenza 15 giugno 2017
n. 14878
(Trascrizione dell’atto di nascita di un bambino nato all'estero da due cittadine italiane: non contrarietà all'ordine pubblico - Corte di Cassazione - Civile)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Accordo 29 aprile 2011
Accordo fra la Santa Sede e la Repubblica di Azerbaigian - Agreement between the Holy See and the Republic of Azerbaijan

Autore: Santa Sede - Repubblica di Azerbaigian
Data: 29 aprile 2011
Argomento: Chiesa cattolica, Confessioni religiose, Libertà religiosa, Mezzi di comunicazione, Ministri di culto, Nomina e revoca, Rapporti Stato - Confessioni religiose
Dossier: Chiesa cattolica, Altri Paesi, Confessioni religiose, Libertà religiosa
Nazione: Repubblica di Azerbaigian

INTER APOSTOLICAM SEDEM ET AZERBAIGIANIAE REMPUBLICAM
AGREEMENT BETWEEN THE HOLY SEE AND THE REPUBLIC OF AZERBAIJAN
ON THE JURIDICAL STATUS OF THE CATHOLIC CHURCH IN THE REPUBLIC OF AZERBAIJAN
(in Acta Apostolicae Sedis, n. 8 2011)

The Holy See and the Republic of Azerbaijan, having in common the desire to strengthen and promote, in the spirit of friendship, the relations already existing between them, and with the intention of regulating through a common understanding the juridical status of the Catholic Church in the Republic of Azerbaijan, have agreed to the following:

Article 1
The Republic of Azerbaijan, which recognizes religious freedom on the basis of its Constitution, guarantees freedom to profess and to practice in public the Catholic Religion.
The Catholic Church in the Republic of Azerbaijan has the right to organize itself in conformity with the legislation of the Catholic Church and to carry out its mission within the ambit of its religious competence and with due regard for the Legislation of the Republic of Azerbaijan as well as for the provisions of the present Agreement.

Article 2
The Republic of Azerbaijan recognizes and registers the juridical personality of the Catholic Church, as well as of all its institutions established on the basis of the legislation of the Catholic Church, in conformity with the present Agreement.

Article 3
The Holy See and the Catholic Church in the Republic of Azerbaijan enjoy unimpeded availability of communication and correspondence with each other.
The Holy See and the Republic of Azerbaijan will maintain diplomatic relations at the level of Apostolic Nunciature and Embassy.

Article 4
The Catholic Church has the right to use the means of public mass communication, in accordance with the national legislation of the Republic of Azerbaijan.

Article 5
The Holy See freely chooses an ecclesiastic for the Office of Ordinary, who is the person in charge of the ecclesiastical circumscription.
Before publishing the appointment of such an Ordinary of the ecclesiastical circumscription the Holy See, out of courtesy and confidentially, informs the President of the Republic of Azerbaijan through the Ministry of Foreign Affairs.

Article 6
Upon formal request and under the responsibility of the Ordinary of the ecclesiastical circumscription, a residence permit and a work permit intended for the exercise of pastoral ministry is issued in accordance with the present Agreement.

Article 7
If divergences should arise in the future concerning the interpretation or application of the present Agreement, the Holy See and the Republic of Azerbaijan, through negotiations and consultations, will proceed by common accord to an amicable solution.

Article 8
The present Agreement requires ratification and enters into force on the day of the exchange of the instruments of ratification.
The present Agreement may be terminated by either Party which shall notify the other Party of its decision in writing. The Agreement shall cease to exist six months following the date of the notification.

Done at Baku on 29 April 2011 in English and Azerbaijani languages, both texts being equally authentic.

For the Republic of Azerbaijan Hiday et Orucov
For the Holy See   Claudio Gugerotti