dossier
in evidenza
Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 24-26, luglio2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 20-23, giugno2017

exLege, Num. 1, 2016

Il Diritto ecclesiastico, Num. , 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 15-19, maggio2017


ultimi documenti
Sentenza 20 luglio 2017 (L’appello alla jihad,diffuso attraverso i mezzi di comunicazione, non rientra nell'ambito tutelato della libertà di espressione - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Sentenza 27 giugno 2017 (Grande Camera: La condanna per diffamazione per asserita islamofobia non viola il diritto alla libertà di espressione - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Sentenza 15 giugno 2017 (Mancata registrazione dell’atto costitutivo di un’associazione rappresentativa di una comunità minoritaria islamica e violazione del diritto alla libertà religiosa - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Decreto legislativo 3 luglio 2017
n. 117
(Codice del Terzo settore, a norma dell'articolo 1, comma 2, lettera b), della legge 6 giugno 2016, n. 106 - Governo)

Decreto legislativo 3 luglio 2017
n. 112
(Revisione della disciplina in materia di impresa sociale, a norma dell'articolo 2, comma 2, lettera c) della legge 6 giugno 2016, n. 106 - Governo)

Decreto legislativo 3 luglio 2017
n. 111
(Disciplina dell'istituto del cinque per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche a norma dell'articolo 9, comma 1, lettere c) e d), della legge 6 giugno 2016, n. 106 - Governo)

Legge 12 luglio 2017 (Malta: Marriage Act and other Laws (Amendment) Act, 2017 - Parlamento)

Sentenza 11 luglio 2017 (Belgio: il divieto di indossare il velo integrale in pubblico non viola il diritto al rispetto della vita privata e alla libertà di pensiero, coscienza, religione - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Motu proprio 11 luglio 2017 (Lettera apostolica in forma di «Motu Proprio» del sommo Pontefice Francesco “Maiorem Hac Dilectionem” sull'offerta della vita - Pontefice)

Lettera 15 giugno 2017 (Lettera della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ai Vescovi sul pane e il vino per l’Eucaristia - Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Regio decreto 9 giugno 2006,n.710/2006 (Desarrollo de los Acuerdos de Cooperación firmados por el Estado con la FEREDE, la FCI y la Comisión Islámica de España, en el ámbito de la asistencia religiosa penitenciaria - Ministerio de la Presidencia)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Legge 15 marzo 2017, n. 33
Contrasto alla povertà: pubblicata in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 70 del 24 marzo 2017) la legge delega che istituisce il c.d. reddito di inclusione.

Autore: Parlamento
Data: 15 marzo 2017
Argomento: Assistenza e beneficenza
Nazione: Italia
Parole chiave: Legge, Povertà, Reddito, Beneficio economico, Servizi sociali, Servizi alla persona, Assistenza, Livelli essenziali

Abstract: Dopo l’approvazione da parte del Senato, la legge 15 marzo 2017, n. 33 «Delega recante norme relative al contrasto della povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali» è stata pubblicata in G.U. 24 marzo 2017, n. 70.

Le deleghe. Il Governo ha ora sei mesi di tempo per introdurre il cd. reddito di inclusione, una misura nazionale di contrasto alla povertà, «intesa come impossibilità di disporre dell’insieme dei beni e dei servizi necessari a condurre un livello di vita dignitoso». In particolare, il reddito di inclusione dovrà essere articolato come in un beneficio economico e in una componente di servizi alla persona. I beneficiari saranno individuati in base alla residenza italiana, tenendo conto della condizione economica del nucleo familiare e della prossimità alla soglia di riferimento per l’individuazione della condizione di povertà.
Viene inoltre previsto il riordino delle prestazioni di natura assistenziale finalizzate al contrasto alla povertà, nonché il rafforzamento del coordinamento degli interventi in materia di servizi sociali in modo da garantire livelli essenziali di prestazioni su tutti il territorio nazionale.
I decreti legislativi di attuazione della delega dovranno essere adottati entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge delega.

(Fonte: www.dirittoegiustizia.it)

Download PDF