dossier
in evidenza
Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 3, dicembre2016

Diritto & Religioni , Num. 2, 2016

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 8-11, marzo2017

Revista general de derecho canˇnico y eclesißstico del Estado, Num. 43, gennaio2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 4-7, febbraio2017


ultimi documenti
Sentenza 6 febbraio 2017
n. 31
(Spagna: divieto di indossare il velo. Violazione del diritto di libertÓ religiosa e discriminazione per motivi religiosi in ambito lavorativo - Tribunale)

Ordinanza 1 marzo 2017
n. 5250
(Sesta Sezione Civile: ╚ esclusa la possibilitÓ di eccepire d'ufficio la convivenza triennale ai fini della trascrizione della sentenza ecclesiastica di nullitÓ matrimoniale. - Corte di Cassazione)

Sentenza 23 marzo 2017
n. 7468
(Prima Sezione Civile: L'organizzazione di uno spettacolo artistico non pu˛ costituire, di per sÚ sola, violazione del personale sentimento religioso del singolo cittadino. - Corte di Cassazione)

Sentenza 7 aprile 2017
n. 67
(Edilizia di culto: illegittimitÓ costituzionale dell'art. 2 della legge della Regione Veneto 12 aprile 2016, n. 12 - Corte Costituzionale)

Protocollo di intesa 10 maggio 2016 (Protocollo di intesa tra Regione Marche, Conferenza Episcopale Marchigiana e Segretariato Regionale del MIBACT per le Marche - Regione Marche - Conferenza Episcopale Marchigiana)

Protocollo di intesa 20 aprile 2015 (Protocollo di intesa tra Regione Marche e Regione Ecclesiastica Marche per la valorizzazione socio educativa degli oratori e degli enti religiosi che svolgono attivitÓ similari - Regione Marche - Regione Ecclesiastica Marche)

Protocollo di intesa 20 aprile 2015 (Protocollo d'intesa tra Regione Marche e Regione Ecclesiastica Marche per l'assistenza ai sacerdoti anziani - Regione Marche - Regione Ecclesiastica Marche)

Legge 15 marzo 2017
n. 33
(Contrasto alla povertÓ: pubblicata in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 70 del 24 marzo 2017) la legge delega che istituisce il c.d. reddito di inclusione. - Parlamento)

Decreto ministeriale 27 febbraio 2017 (Unioni civili: pubblicate le formule per la redazione degli atti dello stato civile. - Ministero dell'Interno)

Sentenza 27 marzo 2017
n. 1388
(Le benedizioni religiose a scuola sono legittime. - Consiglio di Stato)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la CittÓ Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - CittÓ Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7░ giorno - Parlamento)

Sentenza 14 marzo 2017,n.C-188/15 (La volontÓ del datore di lavoro di tener conto del desiderio di un cliente che i servizi non siano assicurati da una dipendente che indossa un velo islamico non pu˛ ritenersi requisito essenziale e determinante per lo svolgimento dell'attivitÓ. - Corte di Giustizia delle ComunitÓ Europee)

Report 24 giugno 2015 (Propositions des maires de France en faveur de la la´citÚ - Association des maires de France)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Legge 15 marzo 2017, n. 33
Contrasto alla povertÓ: pubblicata in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 70 del 24 marzo 2017) la legge delega che istituisce il c.d. reddito di inclusione.

Autore: Parlamento
Data: 15 marzo 2017
Argomento: Assistenza e beneficenza
Nazione: Italia
Parole chiave: Legge, PovertÓ, Reddito, Beneficio economico, Servizi sociali, Servizi alla persona, Assistenza, Livelli essenziali

Abstract: Dopo l’approvazione da parte del Senato, la legge 15 marzo 2017, n. 33 «Delega recante norme relative al contrasto della povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali» è stata pubblicata in G.U. 24 marzo 2017, n. 70.

Le deleghe. Il Governo ha ora sei mesi di tempo per introdurre il cd. reddito di inclusione, una misura nazionale di contrasto alla povertà, «intesa come impossibilità di disporre dell’insieme dei beni e dei servizi necessari a condurre un livello di vita dignitoso». In particolare, il reddito di inclusione dovrà essere articolato come in un beneficio economico e in una componente di servizi alla persona. I beneficiari saranno individuati in base alla residenza italiana, tenendo conto della condizione economica del nucleo familiare e della prossimità alla soglia di riferimento per l’individuazione della condizione di povertà.
Viene inoltre previsto il riordino delle prestazioni di natura assistenziale finalizzate al contrasto alla povertà, nonché il rafforzamento del coordinamento degli interventi in materia di servizi sociali in modo da garantire livelli essenziali di prestazioni su tutti il territorio nazionale.
I decreti legislativi di attuazione della delega dovranno essere adottati entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge delega.

(Fonte: www.dirittoegiustizia.it)

Download PDF