dossier
in evidenza
exLege, Num. 1, 2016

Il Diritto ecclesiastico, Num. , 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 15-19, maggio2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 12-14, aprile2017

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 3, dicembre2016


ultimi documenti
Sentenza 15 maggio 2017
n. 24084
(La pronuncia della Cassazione: I migranti devono conformarsi ai valori della società ospitante - Corte di Cassazione - Penale)

Sentenza 4 aprile 2017
n. 286
(Madrid: Despido de trabajadora sometida a tratamiento de fecundación in vitro. Indicios de vulneración del derecho fundamental a la no discriminación por razón de sexo. - Tribunal Supremo)

Ordinanza 20 aprile 2017 (Milano: Respinto il ricorso contro la delibera della Regione Lombardia che vieta di indossare il burqa in ospedali e uffici pubblici - Tribunale)

Lettera apostolica 1 aprile 2017
n. 0206
(Lettera Apostolica del Santo Padre in forma di Motu proprio “Sanctuarium in Ecclesia” - Pontefice)

Sentenza 14 gennaio 2016
n. 34
(Como: Parroco abusa del chierichetto; la Diocesi è condannata - Tribunale)

Sentenza 6 febbraio 2017
n. 31
(Spagna: divieto di indossare il velo. Violazione del diritto di libertà religiosa e discriminazione per motivi religiosi in ambito lavorativo - Tribunale)

Ordinanza 1 marzo 2017
n. 5250
(Sesta Sezione Civile: È esclusa la possibilità di eccepire d'ufficio la convivenza triennale ai fini della trascrizione della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale. - Corte di Cassazione)

Sentenza 23 marzo 2017
n. 7468
(Prima Sezione Civile: L'organizzazione di uno spettacolo artistico non può costituire, di per sé sola, violazione del personale sentimento religioso del singolo cittadino. - Corte di Cassazione)

Sentenza 7 aprile 2017
n. 67
(Edilizia di culto: illegittimità costituzionale dell'art. 2 della legge della Regione Veneto 12 aprile 2016, n. 12 - Corte Costituzionale)

Protocollo di intesa 10 maggio 2016 (Protocollo di intesa tra Regione Marche, Conferenza Episcopale Marchigiana e Segretariato Regionale del MIBACT per le Marche - Regione Marche - Conferenza Episcopale Marchigiana)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Regio decreto 9 giugno 2006,n.710/2006 (Desarrollo de los Acuerdos de Cooperación firmados por el Estado con la FEREDE, la FCI y la Comisión Islámica de España, en el ámbito de la asistencia religiosa penitenciaria - Ministerio de la Presidencia)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Ordinanza 20 aprile 2017
Milano: Respinto il ricorso contro la delibera della Regione Lombardia che vieta di indossare il burqa in ospedali e uffici pubblici

Autore: Tribunale
Data: 20 aprile 2017
Argomento: Divieto di discriminazione, Libertà religiosa, Simboli religiosi
Dossier: Lotta alla discriminazione, Simboli religiosi, Libertà religiosa, Unione europea, Velo islamico
Nazione: Italia
Parole chiave: Libertà religiosa, Simboli religiosi, Velo islamico, Divieto, Discriminazione, Sicurezza

Abstract: "(...) deve osservarsi come, nel caso in esame, l’individuazione degli specifici luoghi pubblici (fondata sulla implicita distinzione delle tipologie di luogo pubblico) e la previsione di un divieto di accedere con mezzi che impediscano l’identificazione solo per il tempo legato alla permanenza nei detti spazi costituiscano elementi che consentono di ritenere che il divieto - e dunque il sacrificio dei diritti di cui agli artt. 8 e 9 della Cedu - , sia ragionevole e proporzionato rispetto al valore invocato dal legislatore - la pubblica sicurezza -, che risulta concretamente minacciata dall’impossibilità di identificare (senza attendere procedure di identificazione che richiedono la collaborazione di tutte le persone che entrano a volto scoperto) le numerose persone che fanno ingresso nei luoghi pubblici individuati."

Download PDF