dossier
in evidenza
Serra Beatrice, Ad normam iuris. Paradigmi della legalità nel diritto canonico

Cañamares Arribas Santiago, Igualdad religiosa en las relaciones laborales

Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero, Annali di Diritto Vaticano 2018

Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela, Religioni, diritto e regole dell'economia

Mantineo Antonino - Montesano Stefano, L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti


Anuario de Derecho Eclesiástico del Estado, Num. 34, 2018

Diritto & Religioni , Num. 1, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 35-38, novembre2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2018

Apollinaris, Num. 1, 2017


ultimi documenti
Guidance 11 dicembre 2018 (Pastoral Guidance for use in conjunction with the Affirmation of Baptismal Faith in the context of gender transition - Church of England)

Ordinanza 12 settembre 2018
n. 22218/18
(Efficacia della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale in caso di volontà espressa di un coniuge di escludere l'indissolubilità del vincolo. Corte di Cassazione e vizio del consenso - Corte di Cassazione - Civile)

Regolamento 27 novembre 2018 (Regolamento delle scuole dell'infanzia del Comune di Trieste - Comune)

Sentenza 4 giugno 2018
n. 584 U.S. (2018)
(Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission. Corte suprema, free speech clause e free exercise clause - Corte suprema)

Motu proprio 7 dicembre 2018
n. CCLXXIV
(Legge sul Governo dello Stato della Città del Vaticano - Pontefice)

Ordinanza 17 novembre 2018
n. 207/2018
(Vicenda Cappato: le motivazioni dell'ordinanza di rinvio della Corte Costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 14 novembre 2018
n. C-342/17
(Divieto alle imprese private di esercitare attività di conservazione di urne cinerarie. Corte di Giustizia UE e libertà di stabilimento - Corte di Giustizia)

Delibera 28 marzo 2018
n. 365/2018
(Visita ispettiva effettuata dalla Guardia di Finanza, su delega dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, presso l’Opera Laica Santa Croce di Firenze - ANAC)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2747/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2807/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)


Ad normam iuris. Paradigmi della legalità nel diritto canonico, Serra Beatrice

Annali di Diritto Vaticano 2018, Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero

Religioni, diritto e regole dell'economia, Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela

L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti, Mantineo Antonino - Montesano Stefano

Fenomeni migratori, diritti umani e libertà religiosa, Ingoglia Antonio - Ferrante Mario


UCEBI - Battisti
stampa

L'Unione Cristiana Evangelica Battista d'Italia (UCEBI), fondata nel 1956, raccoglie l'eredità dell'Unione Cristiana Apostolica Battista (UCAB) sorta nel 1884 ad opera delle missioni battiste inglese e americana operanti in Italia.

 

Trasformatasi in Opera Evangelica Battista d'Italia nel 1924, raccoglie le chiese locali nate dalla testimonianza iniziata nel nostro paese dal 1860.

 

I battisti italiani appartengono alla famiglia di Chiese evangeliche sorte dalla Riforma e fanno parte di organismi internazionali e nazionali come l'Alleanza Battista Mondiale, la Federazione Battista Europea, la Conferenza delle Chiese Europee (KEK), la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (FCEI) con sede a Roma.

 

Attualmente l'Unione Cristiana Evangelica Battista (U.C.E.B.I.) raggruppa circa 120 Chiese sparse su tutto il territorio nazionale per un totale di 5.000 membri adulti effettivi ed una popolazione totale di circa 15.000 persone.

 

Organi dell’UCEBI

* L’ASSEMBLEA GENERALE. Non esiste una Chiesa battista nazionale, ma un’Unione di Chiese locali, i cui rappresentanti, insieme con i pastori e i rappresentanti istituzionali dell’UCEBI, si riuniscono ogni due anni in un’Assemblea Generale, massimo organo dell’UCEBI. Essa esercita la funzione legislativa all’interno dell’Unione, elegge gli organi amministrativi, rappresentativi e di controllo dell’UCEBI stessa, indica le linee generali cui devono attenersi, delibera sul lavoro comune condotto in armonia con le chiese sulla cui autonomia non interferisce.

* IL COMITATO ESECUTIVO governa l’Unione secondo le direttive dell’Assemblea Generale, alla quale risponde, sotto l’aspetto organizzativo, economico, finanziario e di coordinamento delle varie istanze dell’Unione. Esso è composto da nove membri (compreso il Presidente e il Vice presidente) eletti dall’Assemblea Generale ogni due anni per non più di tre mandati consecutivi.

* IL PRESIDENTE DELL’UCEBI, eletto dall’Assemblea Generale per un massimo di tre mandati consecutivi, rappresenta l’Unione presso le Chiese, lo Stato ed ogni organismo sterno all’Unione, funge da collegamento tra l’Unione e le Chiese membro, convoca il Comitato Esecutivo, svolge davanti all’Assemblea Generale, per il Comitato Esecutivo, le relazioni morale e finanziaria dell’Unione. E’ affiancato e, in caso d’impedimento, sostituito dal Vice presidente, eletto dall’Assemblea Generale con le stesse modalità. Presidente dell’UCEBI è attualmente la pastora Anna Maffei, Vice presidente il pastore Salvatore Rapisarda.

* IL COLLEGIO DEI REVISORI composto da cinque membri eletti dall’Assemblea Generale. Esso esamina l’operato del Comitato Esecutivo, del Presidente e del Vice presidente, degli organi direttivi delle Istituzioni e degli Organismi operativi dell’UCEBI, controlla la contabilità dell’Unione nelle sue varie istanze e relaziona all’Assemblea Generale. Attuale presidente del Collegio dei Revisori è Massimiliano Pani.

* IL COLLEGIO DEGLI ANZIANI composto da cinque membri eletti dall’Assemblea Generale ha il compito di comporre le controversie che insorgono tra membri, organi, enti e persone dell’Unione. Attualmente il presidente del Colleggio è il pastore Raffaele Volpe.


indietro stampa documento

Decreto Presidente Repubblica20 gennaio 1961, n.19
Riconoscimento della personalità giuridica dell’Ente patrimoniale dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia, con sede in Roma

Data: 20 gennaio 1961
Argomento: Riconoscimento
Dossiers: UCEBI - Battisti
Nazione: Italia
Parole chiave: Ente patrimoniale, Riconoscimento, Personalità giuridica, Statuto, Presidente, Cittadinanza italiana, Finalità, Patrimonio, Comitato, Estinzione, Scioglimento


D.P.R. 20 gennaio 1961, n. 19: "Riconoscimento della personalità giuridica dell’Ente patrimoniale dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia, con sede in Roma".

(Da "Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana" n. 49 del 24 febbraio 1961)

1. All’Ente Patrimoniale dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia, con sede in Roma, Piazza S. Lorenzo in Lucina, n. 35, è riconosciuta la personalità giuridica.

2. E’ approvato l’annesso statuto dell’Ente anzidetto, datato 20 ottobre 1959, e composto di 19 articoli, che sarà munito del visto e sottoscritto dal Ministro proponente, con la seguente aggiunta all’art. 6: "Il presidente dell’Ente Patrimoniale deve essere cittadino italiano".

STATUTO

1. E’ costituito l’Ente denominato "Ente Patrimoniale dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia".

2. La sede dell’Ente è in Roma, Piazza S. Lorenzo in Lucina n. 35.

3. L’Ente Patrimoniale ha le seguenti finalità:
1) Acquistare, possedere ed amministrare beni mobili ed immobili destinati alle Chiese dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia (U.C.E.B.I.) per l’esercizio del culto e delle altre attività di istruzione, beneficenza, assistenza e propagazione della fede;
2) Amministrare, a tutti gli effetti di legge, tutte le Istituzioni esistenti di cui all’allegato "A" del presente Statuto e quelle da istituire, prive di personalità giuridica propria;
3) Sovvenire alle necessità economiche delle Chiese, delle Istituzioni e degli organismi operativi dell’U.C.E.B.I.;
4) Ogni altra finalità non incompatibile con i fini citati nei comma precedenti.

4. Il patrimonio dell’Ente è costituito da tutti i beni mobili ed immobili da esso posseduti e da quelli che comunque dovessero allo stesso pervenire per effetto di acquisti, sia a titolo oneroso che gratuito (lasciti o donazioni).

5. Il raggiungimento delle finalità di cui all’articolo 3, è garantito dai beni mobili ed immobili posseduti e dai proventi dei beni stessi, dalle contribuzioni delle Chiese membri dell’U.C.E.B.I., dalle offerte di qualsiasi natura di Enti o privati.

6. L’Ente Patrimoniale dell’U.C.E.B.I. è amministrato da un Comitato composto da:
a) Un Presidente;
b) Un Vice Presidente;
c) Sette Consiglieri.

7. Il Presidente e il Vice Presidente dell’U.C.E.B.I. sono di diritto Presidente e Vice Presidente dell’Ente Patrimoniale.
I sette Consiglieri sono quelli stessi che, con il Presidente ed il Vice Presidente, compongono il Comitato Esecutivo dell’U.C.E.B.I..
Entro quindici giorni dall’avvenuta nomina o in quel diverso termine stabilito dalla legge, devono essere notificate alle competenti Autorità civili, le generalità dei membri del Comitato, con la copia, ove richiesta, della deliberazione di nomina.

8. Al Comitato sono attribuiti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione.
Il Comitato ratifica gli atti urgenti di ordinaria amministrazione, compiuti dal Presidente; approva il bilancio consuntivo e quello di previsione predisposti dal Segretario – contabile.

9. Il Comitato si riunisce in sessione ordinaria almeno tre volte l’anno e in sessione straordinaria ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario o ne facciano richiesta scritta almeno tre componenti.
Il Comitato è convocato dal Presidente con avviso personale, anche telegrafico, almeno tre giorni prima della riunione.
Alle riunioni del Comitato assiste il Segretario contabile che ne redige il verbale.

10. Il Comitato può validamente deliberare quando sono presenti almeno sette componenti.
Le deliberazioni sono prese a maggioranza di presenti, con votazione ad appello nominale. Si vota a scrutinio segreto a richiesta di almeno due componenti.
Le deliberazioni concernenti l’alienazione dei beni immobili devono essere approvate da almeno due terzi dei componenti del Comitato.
L’alienazione dei beni dati in uso a Chiese o Istituzioni dell’U.C.E.B.I. non può essere deliberata se non previa consultazione con la Chiesa o con l’istituzione interessata.

11. Il Presidente:
a) Rappresenta legalmente l’Ente in giudizio e nei rapporti con i terzi. Egli ha la facoltà di rilasciare procure speciali;
b) Convoca e presiede il Comitato dell’Ente;
c) Esegue le deliberazioni del Comitato;
d) Compie, in caso di urgenza, gli atti di ordinaria amministrazione, sottoponendoli alla ratifica del Comitato nella prima riunione successiva.
Il Presidente rende conto al Comitato del suo operato.

12. Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di assistenza o impedimento e in tutti i casi in cui sia stato delegato dal Presidente.

13. Il Segretario – contabile è nominato dal Comitato. E’ il tesoriere dell’Ente e tiene la contabilità; assiste il Comitato ed il Presidente nell’esercizio delle loro funzioni; esegue le disposizioni e le direttive impartite dal Comitato e dal Presidente; predispone il bilancio consuntivo e quello di previsione presentandoli al Comitato per l’approvazione.

14. L’esercizio finanziario dell’Ente coincide con l’anno solare.

15. La revisione dei conti viene eseguita dai Revisori dell’U.C.E.B.I..

16. L’Ente si estingue nei casi previsti dalla Legge o per effetto dello scioglimento deliberato dall’U.C.E.B.I.. Con la deliberazione di scioglimento, l’U.C.E.B.I. nomina uno o più Liquidatori.
I beni che residuano dopo l’estinzione di tutte le passività sono devoluti a Chiese, Enti o Istituzioni evangeliche, opranti in Italia, secondo le indicazioni fornite dall’U.C.E.B.I. nella delibera di scioglimento.
I beni provenienti da donazioni sono restituiti ai donatori o ai loro eredi soltanto se tale restituzione sia espressamente stabilita nell’atto di donazione.

17. Le modifiche al presente Statuto sono deliberate dall’U.C.E.B.I..

18. Per quanto non è previsto né disciplinato dal presente Statuto si rinvia alle Leggi dello Stato.

ALLEGATO "A"

• Casa di Riposo “G. B. Taylor”, Via delle Spighe n. 8, Roma.
• Orfanatrofio “G. B. Taylor”, Via delle Spighe n. 8, Roma.
• Centro d’Incontri “Villa Betania”, Via Antelao n. 14, Roma.
• Servizio Produzioni Audiovisivi (SPAV), Via Monte Bianco n. 91, Roma.
• Il Seminatore, Piazza San Lorenzo in Lucina n. 35, Roma.
• Villaggio della Gioventù, Lungomare Pirgy n. 13, Santa Severa (Roma).
• Centro Evangelico Battista, Via Vecchia di Velletri n. 26, Rocca di Papa (Roma).
• Il Testimonio, Borgo Ognissanti n. 6, Firenze.
• Villaggio "M. L. King", Via Campo del Carro nn. 11 / 13, Meana di Susa (Torino).
• Centro Filadelfia, Via Luigi Colla n. 22, Rivoli (Torino).
• Campo Sardegna, località San Basilio Sinnai (Cagliari).