dossier
in evidenza
Diritto & Religioni , Num. 2, 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 21-24, giugno2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 1, aprile2018

Apollinaris, Num. 2, 2016

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 17-20, maggio2018


ultimi documenti
Sentenza 23 marzo 2018
n. 32028/2018
(Corte di Cassazione e aggravante della finalità di discriminazione - Corte di Cassazione - Penale)

Ordinanza 2 luglio 2018 (Questione di legittimità costituzionale e legge n.40/2004. Presunta incostituzionalità del divieto di accesso alla p.m.a. alle coppie omosessuali - Tribunale Civile)

Sentenza 4 luglio 2018
n. 145/18
(Adozione del figlio del partner in una coppia omogenitoriale. Superiore interesse del minore e procreazione medicalmente assistita - Corte d'Appello)

Ordinanza 13 giugno 2018
n. 15569/2018
(Protezione internazionale e mera possibilità di subire trattamenti inumani e degradanti - Corte di Cassazione - Civile)

Istruzione 8 giugno 2018 (Ecclesiae Sponsae Imago - Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica)

Sentenza 10 luglio 2018
n. C-25/17
( Responsabilità per la raccolta e il trattamento di dati personali acquisiti da Testimoni di Geova nell'esercizio della loro attività di predicazione porta a porta - Corte di Giustizia)

Sentenza 18 giugno 2018
n. 16031/18
(Organizzazioni di tendenza e tutela del lavoratore in caso di licenziamento - Corte di Cassazione - Civile, Sez. Lav.)

Decreto ministeriale 27 aprile 2018
n. 50/2018
(Disposizioni in materia di trasformazione, fusione, scissione, cessione d'azienda e devoluzione del patrimonio da parte delle imprese sociali - Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali)

Sentenza 15 giugno 2018
n. 2018 SCC 33
(Accesso alle professioni legali e libertà religiosa. Trinity Western University v Law Society of Upper Canada - Supreme Court)

Sentenza 15 giugno 2018
n. 2018 SCC 32
(Accesso alle professioni legali e libertà religiosa. Law Society of British Columbia v Trinity Western University - Supreme Court)


i più letti
Sentenza 3 novembre 2009,n.30814/06 (Affaire Lautsi c. Italie: l’exposition de la croix aurait également méconnu la liberté de conviction et de religion de la requérante et de ses enfants, protégée par l’article 9 CEDU - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Ordinanza 24 marzo 2006,n.127 (Esposizione del crocifisso nelle aule giudiziarie: inammissibilità del ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato - Corte Costituzionale)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Sentenza 20 dicembre 2017,n.C-372/16 (Ripudio islamico e regolamenti europei. Soha Sahyouni contro Raja Mamisch - Corte di Giustizia)


Crocifisso
stampa

E' lecito esporre un crocifisso in un'aula scolastica, in un tribunale o in un ufficio pubblico, o questa scelta può offendere la coscienza del non credente o dell'appartenente ad una confessione religiosa contraria a tale simbologia? E quali sono le disposizioni normative che attualmente ne regolano l'esposizione? L'obbligo di esposizione contraddice la “laicità dello Stato”? E a che tipo di simbologia deve essere ascritto il crocifisso: identità religiosa e/o culturale? Ed in ogni caso, in una società multireligiosa è opportuno prevederne l'esposizione? Tutti interrogativi non nuovi per gli studiosi del diritto ecclesiastico.

Già nel 1988 il Consiglio di Stato si era occupato “della questione del crocifisso” con un Parere (n. 63) che, nel ritenere ancora in vigore le disposizioni sull'esposizione contenute nei Regi decreti risalenti agli anni '20, aveva toccato gran parte dei temi evocati e suscitato un ampio e serrato dibattito tra i fautori della liceità/opportunità dell'esposizione e i sostenitori della opposta posizione, schierati a strenua tutela della “laicità dello Stato”. Quella laicità che sarà di lì a poco riconosciuta dalla Corte costituzionale come principio supremo dell'ordinamento italiano (sent. 203 del 1989), anche se in una accezione non “classica”.

La medesima questione, qualche anno dopo, verrà risolta in un contesto normativo e culturale diverso, con la dichiarazione di incostituzionalità dell'esposizione obbligatoria di croci o crocifissi nelle aule delle scuole pubbliche elementari prevista da un regolamento del Land della Baviera (Bundesverfassungsgericht-Erster Senat, 16 maggio 1995). Strada in certo qual modo evocata anche dalla nostra Corte di Cassazione con la pronuncia del 1° marzo 2000, n. 439 che ha assolto uno scrutatore rifiutatosi di prestare l'ufficio cui era stato chiamato perché nel seggio presso il quale era stato nominato – un'aula scolastica - era presente un crocifisso che non era stato possibile rimuovere.

La recente vicenda, relativa all'ordinanza di rimozione del crocifisso da un'aula scolastica del comune di Ofena (Tribunale di l'Aquila, 23 ottobre 2003), ad una lettura superficiale potrebbe essere interpretata come l'ennesimo episodio di una guerra ideologico/giudiziaria dagli esiti difficilmente prevedibili, ma dai contorni abbastanza chiari. I ripetuti ricorsi alla magistratura da parte degli appartenenti alla U.A.A.R. mal si conciliano, però, con le posizioni di ispirazione religiosa di Adel Smith. Non a caso, a parità di argomentazioni, le reazioni dell'opinione pubblica e della classe politica (fattore questo da non sottovalutare) sono state assai diverse: per qualità e quantità. Basti segnalare le numerose iniziative parlamentari seguite all'ordinanza dell'ottobre 2003.

La vicenda di Ofena, sempre che ce ne fosse bisogno, ci ha fatto comprendere che oggi la questione dei simboli religiosi, a partire dal sostrato argomentativo connesso alla rivendicazione, di matrice liberale, della libertà di coscienza e della neutralità dello Stato, può trasformarsi in un momento di “scontro tra religioni e civiltà”. Un supplemento di riflessione su tali temi è, dunque, più che auspicabile, necessario.

In questa prospettiva, l'ordinanza della Corte Costituzionale n. 389/2004, con le sue argomentazioni strettamente tecniche, pare suggerire un abbassamento dei toni, senza per ciò rinunciare a continuare ad interrogarsi.

Queste vicende italiane, come dimostrato dai numerosi interventi giurisprudenziali prosposti nella base dati di OLIR.it , non paiono destinate ad acquitarsi, anzi fanno eco alle molte controversie relative all'uso pubblico della simbologia religosa che hanno interessato numerosi Stati occidentali (Spagna, Francia, Stati Uniti d'America etc.). (A.G. Chizzoniti)