dossier
in evidenza
Apollinaris, Num. 1, 2016

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 27-29, settembre2017

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 1, aprile2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 24-26, luglio2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 20-23, giugno2017


ultimi documenti
Guidance 6 ottobre 2017 (Office of the Attorney General - Washington D.C.: Memorandum for All Executive Departments and Agencies about Federal Law Protections for Religious Liberty - )

Executive Order 4 maggio 2017 ( The White House - Donald J. Trump: Presidential Executive Order Promoting Free Speech and Religious Liberty - )

Decreto legislativo 15 settembre 2017
n. 147
(Disposizioni per l'introduzione di una misura nazionale di contrasto alla povertà - Governo)

Ordinanza 18 settembre 2017
n. 21541
(La giurisdizione dello Stato italiano si estende alle controversie di lavoro promosse contro gli istituti di educazione e istruzione della Chiesa cattolica che operano sul territorio nazionale - Corte di Cassazione - Sezioni Unite)

Protocollo di intesa 6 luglio 2017
n. 1792CR06C6-C16
(Protocollo di intesa tra Conferenza delle Regioni e delle Province autonome di Trento e di Bolzano e C.E.I. per la valorizzazione anche ai fini turistici dei beni e del patrimonio culturale, storico e artistico ecclesiastico - C.E.I.)

Legge regionale 7 agosto 2017
n. 25
(Istituzione del Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità - Regione Campania)

Legge regionale 2 agosto 2017
n. 12
(Riordino del sistema delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza - Regione Piemonte)

Motu proprio 3 settembre 2017 (Lettera apostolica in forma di Motu Proprio “Magnum Principium”, con la quale viene modificato il can. 838 del Codex Iuris Canonici - Pontefice)

Sentenza 29 agosto 2017
n. 4100
(Medesima entità del 'sostegno al reddito' per gli studenti delle scuole statali e paritarie - Consiglio di Stato)

Sentenza 20 luglio 2017 (L’appello alla jihad,diffuso attraverso i mezzi di comunicazione, non rientra nell'ambito tutelato della libertà di espressione - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Nota 31 gennaio 2012
L’accesso nelle chiese

Autore: C.E.I.
Data: 31 gennaio 2012
Argomento: Beni culturali, Chiesa cattolica, Confessioni religiose, Edilizia di culto, Turismo religioso
Dossier: Chiesa cattolica, CESEN
Nazione: Italia
Parole chiave: Acesso alle Chiese, Destinazione al culto, Preghiera, Ticket, Visite turistiche, Cripta, Chiosto, Libertà religiosa, Edifici di culto

Nota del Consiglio Episcopale Permanente della CEI, L'accesso nelle chiese, 31 gennaio 2012

[Fonte: www.chiesacattolica.it]


L’accesso nelle chiese

 
1.         Secondo la tradizione italiana, è garantito a tutti l’accesso gratuito alle chiese aperte al culto, perché ne risalti la primaria e costitutiva destinazione alla preghiera liturgica e individuale. Tale finalizzazione è tutelata anche dalle leggi dello Stato.
 
2.         La Conferenza Episcopale Italiana ritiene che tale principio debba essere mantenuto anche in presenza di flussi turistici rilevanti, consentendo l’accesso gratuito nelle chiese nelle fasce orarie tradizionali, salvo casi eccezionali a giudizio dell’Ordinario diocesano. Pertanto le comunità cristiane si impegnano ad assicurare l’apertura delle chiese destinate al culto, in special modo quelle di particolare interesse storico e artistico situate nei centri storici e nelle città d’arte, sulla base di calendari e orari certi, stabili e noti.
 
3.         Le comunità cristiane accolgono nelle chiese come ospiti graditi tutti coloro che desiderano entrarvi per pregare, per sostare in silenzio, per ammirare le opere d’arte sacra in esse presenti.
 
4.         Ai turisti che desiderano visitare le chiese, le comunità cristiane chiedono l’osservanza di alcune regole riguardanti l’abbigliamento e lo stile di comportamento e soprattutto il più rigoroso rispetto del silenzio, in modo da facilitare il clima di preghiera: anche durante le visite turistiche, infatti, le chiese continuano a essere “case di preghiera”.
 
5.         In presenza di flussi turistici molto elevati gli enti proprietari, allo scopo di assicurare il rispetto del carattere sacro delle chiese e di garantire la visita in condizioni adeguate, si riservano di limitare il numero di persone che vengono accolte (ricorrendo al cosiddetto contingentamento) e/o di limitarne il tempo di permanenza.
 
6.         Deve essere sempre assicurata la possibilità dell’accesso gratuito a quanti intendono recarsi in chiesa per pregare e deve essere sempre consentito l’accesso gratuito ai residenti nel territorio comunale.
 
7.         L’adozione di un biglietto d’ingresso a pagamento è ammissibile soltanto per la visita turistica di parti del complesso (cripta, tesoro, battistero autonomo, campanile, chiostro, singola cappella, ecc.), chiaramente distinte dall’edificio principale della chiesa, che deve rimanere a disposizione per la preghiera.
 
 
Roma, 31 gennaio 2012
Memoria di San Giovanni Bosco

Il Consiglio Permanente della Conferenza Episcopale Italiana