dossier
in evidenza
Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2017

Ius Canonicum, Num. 113, 2017

Ephemerides Iuris Canonici - Nuova Serie, Num. 2, 2017

Coscienza e Libertà, Num. 54, 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 40-42, dicembre2017


ultimi documenti
Documento 25 novembre 2017 (Discorso del Santo Padre Francesco ai partecipanti al corso promosso dal tribunale della Rota Romana - Pontefice)

Decreto legislativo 29 dicembre 2017
n. 216
(Disposizioni in materia di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni - estratto - Governo)

Sentenza 26 ottobre 2017 (Corte EDU: Non vi è discriminazione nel limitare alle coppie dello stesso sesso la costituzione di unioni civili registrate; la preclusione legiferata dall'Austria per le coppie eterosessuali non viola gli articoli 8 e 14 della CEDU - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Sentenza 11 ottobre 2017
n. 396990
( Conseil d'Etat: Principio di laicità dello Stato e presenza di monumenti e simboli religiosi in luogo pubblico - Consiglio di Stato)

Sentenza 14 dicembre 2017 (Corte EDU: Trascrizione dei matrimoni e delle unioni civili contratti all'estero tra persone dello stesso sesso e rispetto del diritto alla vita privata e familiare - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Sentenza 12 dicembre 2017
n. 55418
(Social network e apologia di reato: un 'Like' su Facebook può integrare una condotta apologetica dello Stato islamico? - Corte di Cassazione)

Ordinanza 13 dicembre 2017
n. 29886
(Sezione tributaria: La vendita di pubblicazioni e l'organizzazione a pagamento di corsi a beneficio di soggetti non associati costituisce attività commerciale - Corte di Cassazione)

Parere 23 giugno 2017 (Parere del CNB dedicato al rapporto tra immigrazione e salute - Comitato Nazionale per la Bioetica)

Protocollo di intesa 30 agosto 2017 (Progetto Camper Sanitario, unità mobile per assistenza ai senza fissa dimora: Protocollo d’intesa tra ASL e Arcidiocesi di Napoli - Arcidiocesi di Napoli - Asl)

Sentenza 14 dicembre 2017 (CEDU - CASE OF ORLANDI AND OTHERS v. ITALY: il rifiuto dell'Italia di trascrivere i matrimoni omosessuali contratti all'estero prima del 2016 costituisce violazione dell'articolo 8 - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)


i più letti
Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Sentenza 14 dicembre 2017
Corte EDU: Trascrizione dei matrimoni e delle unioni civili contratti all'estero tra persone dello stesso sesso e rispetto del diritto alla vita privata e familiare

Autore: Corte Europea dei Diritti dell'Uomo
Data: 14 dicembre 2017
Argomento: Matrimonio, Trascrizione
Nazione: Europa
Parole chiave: Trascrizione, Matrimonio, Unioni civili, Diritto alla vita privata e familiare, Articolo 8, CEDU, Strasburgo

Abstract:

CORTE EDU, CASO ORLANDI AND OTHERS V. ITALY, 14/12/17 (RICORSI NN. 26431; 26742; 44057, 60088/12)

"2. The Court’s assessment

(a) Article 8

191. The applicant’s complaints under this provision mainly relate to the fact that on their return to Italy they were refused registration of their marriage, either as a marriage or under any other form, depriving them of any legal protection or associated rights.

192. The Court reiterates that States are still free, under Article 12 of the Convention as well as under Article 14 taken in conjunction with Article 8, to restrict access to marriage to different-sex couples (see Schalk and Kopf, cited above, §108 and Chapin and Charpentier, cited above, §39). The same holds for Article 14 taken in conjunction with Article 12 (see Oliari and Others, cited above, §193). Nevertheless, the Court has acknowledged that same-sex couples are in need of legal recognition and protection of their relationship (see Oliari and Others, cited above, §165 and the case-law cited therein). Indeed, in Oliari and Others the Court concluded that in the absence of a prevailing community interest being put forward by the Italian Government, against which to balance the applicants’momentous interests, and in the light of domestic courts’conclusions on the matter which remained unheeded, the Italian Government had overstepped their margin of appreciation and failed to fulfil their positive obligation to ensure that the applicants had available a specific legal framework providing for the recognition and protection of their same-sex unions (§185). There had thus been a breach of Article 8 (§187).

193. The Court notes that, following the judgment in Oliari and Others (cited above), by means of Law no. 76/2016, the Italian legislator provided for civil unions in Italy. By subsequent decrees it was provided that persons who had contracted marriage, civil union or any other corresponding union abroad could register their union as a civil union in terms of Italian law (see paragraphs 97to 100above). The latter legislation came into being in 2017 (see paragraph 100above) and most of the applicants have recently benefitedfrom it.

(…)

210. The Court considers that, in the present case, the Italian State could not reasonably disregard the situation of the applicants which corresponded to a family life within the meaning of Article 8 of the Convention, without offering the applicants a means to safeguard their relationship. However, until recently, the national authorities failed to recognise that situation or provide any form of protection to the applicants’union, as a result of the legal vacuum which existed in Italian law (in so far as it did not provide for any union capable of safeguarding the applicants’relationship before 2016). It follows that the State failed to strike a fair balance between any competing interests in so far as they failed to ensure that the applicants had available a specific legal framework providing for the recognition and protection of their same-sex unions.

211. In the light of the foregoing, the Court considers that there has been a violation of Article 8 of the Convention in that respect."


Download PDF