dossier
in evidenza
Apollinaris, Num. 1, 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 28-29, settembre2018

exLege, Num. 65, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 25-27, luglio2018

Diritto & Religioni , Num. 2, 2017


ultimi documenti
Sentenza 12 ottobre 2018
n. 186/2018
(Detenuti in regime di 41-bis e divieto di cuocere cibi in carcere. Dichiarazione di illegittimità costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 8 ottobre 2018
n. 2227/2018
(Ancora TAR Lombardia e libertà di religione. Questione di legittimità costituzionale e legge regionale sull'edilizia di culto - Tribunale Amministrativo)

Sentenza 3 agosto 2018
n. 1939/2018
(TAR Lombardia e legge regionale in materia di edilizia di culto. Questione di legittimità costituzionale - Tribunale Amministrativo)

Sentenza 27 agosto 2018
n. 2018/18
(TAR Lombardia e Comune di Cantù. Necessità del permesso di costruire per utilizzare un immobile a fini di culto - Tribunale Amministrativo)

Ordinanza 16 luglio 2018 (Maternità surrogata e ordine pubblico. La prevalenza dell'interesse del minore - Corte d'Appello)

Sentenza 18 settembre 2018
n. 3413/09
(Porto del velo islamico in tribunale. CEDU e libertà religiosa - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Sentenza 6 settembre 2018
n. Case n. 76/2018
(Depenalizzazione del reato di omosessualità - Corte suprema)

Mozione 4 ottobre 2018
n. 434/2018
(Iniziative per la prevenzione dell'aborto e il sostegno alla maternità nel 40° anniversario della legge 194/1978 - Comune)

Sentenza 11 settembre 2018
n. 40301/18
(Atti sessuali in danno di minori. Parroco e abuso di autorità - Corte di Cassazione - Penale)

Ordinanza 13 settembre 2018
n. 22416/18
(Omosessualità sanzionata penalmente e protezione internazionale - Corte di Cassazione)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Sentenza 3 novembre 2009,n.30814/06 (Affaire Lautsi c. Italie: l’exposition de la croix aurait également méconnu la liberté de conviction et de religion de la requérante et de ses enfants, protégée par l’article 9 CEDU - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Ordinanza 24 marzo 2006,n.127 (Esposizione del crocifisso nelle aule giudiziarie: inammissibilità del ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato - Corte Costituzionale)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)


Le relazioni familiari nel diritto interculturale, Zuanazzi Ilaria - Ruscazio Maria Chiara

Diritto religioni culture, Fuccillo Antonio - Santoro Raffaele

Il "diritto al tempio". Dai vincoli urbanistici alla prevenzione securitaria. Un percorso giurisprudenziale, Marchei Natascia

Religioni e sistemi giuridici, Margiotta Broglio Francesco - Mirabelli Cesare - Onida Francesco

Rigore e curiosità. Scritti in memoria di Maria Cristina Folliero, D'Angelo Giuseppe - Fauceglia Giuseppe


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Sentenza 14 dicembre 2017
Corte EDU: Trascrizione dei matrimoni e delle unioni civili contratti all'estero tra persone dello stesso sesso e rispetto del diritto alla vita privata e familiare

Autore: Corte Europea dei Diritti dell'Uomo
Data: 14 dicembre 2017
Argomento: Matrimonio, Trascrizione
Nazione: Europa
Parole chiave: Trascrizione, Matrimonio, Unioni civili, Diritto alla vita privata e familiare, Articolo 8, CEDU, Strasburgo

Abstract:

CORTE EDU, CASO ORLANDI AND OTHERS V. ITALY, 14/12/17 (RICORSI NN. 26431; 26742; 44057, 60088/12)

"2. The Court’s assessment

(a) Article 8

191. The applicant’s complaints under this provision mainly relate to the fact that on their return to Italy they were refused registration of their marriage, either as a marriage or under any other form, depriving them of any legal protection or associated rights.

192. The Court reiterates that States are still free, under Article 12 of the Convention as well as under Article 14 taken in conjunction with Article 8, to restrict access to marriage to different-sex couples (see Schalk and Kopf, cited above, §108 and Chapin and Charpentier, cited above, §39). The same holds for Article 14 taken in conjunction with Article 12 (see Oliari and Others, cited above, §193). Nevertheless, the Court has acknowledged that same-sex couples are in need of legal recognition and protection of their relationship (see Oliari and Others, cited above, §165 and the case-law cited therein). Indeed, in Oliari and Others the Court concluded that in the absence of a prevailing community interest being put forward by the Italian Government, against which to balance the applicants’momentous interests, and in the light of domestic courts’conclusions on the matter which remained unheeded, the Italian Government had overstepped their margin of appreciation and failed to fulfil their positive obligation to ensure that the applicants had available a specific legal framework providing for the recognition and protection of their same-sex unions (§185). There had thus been a breach of Article 8 (§187).

193. The Court notes that, following the judgment in Oliari and Others (cited above), by means of Law no. 76/2016, the Italian legislator provided for civil unions in Italy. By subsequent decrees it was provided that persons who had contracted marriage, civil union or any other corresponding union abroad could register their union as a civil union in terms of Italian law (see paragraphs 97to 100above). The latter legislation came into being in 2017 (see paragraph 100above) and most of the applicants have recently benefitedfrom it.

(…)

210. The Court considers that, in the present case, the Italian State could not reasonably disregard the situation of the applicants which corresponded to a family life within the meaning of Article 8 of the Convention, without offering the applicants a means to safeguard their relationship. However, until recently, the national authorities failed to recognise that situation or provide any form of protection to the applicants’union, as a result of the legal vacuum which existed in Italian law (in so far as it did not provide for any union capable of safeguarding the applicants’relationship before 2016). It follows that the State failed to strike a fair balance between any competing interests in so far as they failed to ensure that the applicants had available a specific legal framework providing for the recognition and protection of their same-sex unions.

211. In the light of the foregoing, the Court considers that there has been a violation of Article 8 of the Convention in that respect."


Download PDF