dossier
in evidenza
Serra Beatrice, Ad normam iuris. Paradigmi della legalitÓ nel diritto canonico

Ca˝amares Arribas Santiago, Igualdad religiosa en las relaciones laborales

Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero, Annali di Diritto Vaticano 2018

Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela, Religioni, diritto e regole dell'economia

Mantineo Antonino - Montesano Stefano, L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti


Anuario de Derecho Eclesißstico del Estado, Num. 34, 2018

Diritto & Religioni , Num. 1, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 35-38, novembre2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2018

Apollinaris, Num. 1, 2017


ultimi documenti
Guidance 11 dicembre 2018 (Pastoral Guidance for use in conjunction with the Affirmation of Baptismal Faith in the context of gender transition - Church of England)

Ordinanza 12 settembre 2018
n. 22218/18
(Efficacia della sentenza ecclesiastica di nullitÓ matrimoniale in caso di volontÓ espressa di un coniuge di escludere l'indissolubilitÓ del vincolo. Corte di Cassazione e vizio del consenso - Corte di Cassazione - Civile)

Regolamento 27 novembre 2018 (Regolamento delle scuole dell'infanzia del Comune di Trieste - Comune)

Sentenza 4 giugno 2018
n. 584 U.S. (2018)
(Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission. Corte suprema, free speech clause e free exercise clause - Corte suprema)

Motu proprio 7 dicembre 2018
n. CCLXXIV
(Legge sul Governo dello Stato della CittÓ del Vaticano - Pontefice)

Ordinanza 17 novembre 2018
n. 207/2018
(Vicenda Cappato: le motivazioni dell'ordinanza di rinvio della Corte Costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 14 novembre 2018
n. C-342/17
(Divieto alle imprese private di esercitare attivitÓ di conservazione di urne cinerarie. Corte di Giustizia UE e libertÓ di stabilimento - Corte di Giustizia)

Delibera 28 marzo 2018
n. 365/2018
(Visita ispettiva effettuata dalla Guardia di Finanza, su delega dellĺAutoritÓ Nazionale Anticorruzione, presso lĺOpera Laica Santa Croce di Firenze - ANAC)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2747/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertÓ di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2807/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertÓ di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)


i più letti
Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7░ giorno - Parlamento)

Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la CittÓ Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - CittÓ Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperaciˇn del estado con la Federaciˇn de comunidades israelitas de Espa˝a - Parlamento)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e lĺUnione delle ComunitÓ ebraiche italiane - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Sentenza 30 gennaio 2018
La CEDU si pronuncia sulla legittimitÓ dell'uso di simboli religiosi nelle campagne pubblicitarie e tutela il diritto alla libertÓ d'espressione

Autore: Corte Europea dei Diritti dell'Uomo
Data: 30 gennaio 2018
Argomento: LibertÓ religiosa, Mezzi di comunicazione, Simboli religiosi
Dossier: Simboli religiosi, LibertÓ religiosa
Nazione: Europa
Parole chiave: CEDU, Simboli religiosi, PubblicitÓ, Campagne pubblicitarie, Blasfemia, LibertÓ d'espressione, LibertÓ religiosa

Abstract:

Il caso in esame vede coinvolta una società di abbigliamento, multata per aver esposto a Vilnius e sul suo sito web una serie di annunci pubblicitari giudicati dall'autorità giudiziaria lituana come offensivi e contrari alla morale pubblica. I messaggi pubblicitari contestati contenevano riferimenti a "Gesù" e "Maria".
La Corte ha rilevato che, nonostante i reclami, gli annunci pubblicitari non erano gratuitamente offensivi e non incitavano all'odio. Secondo i giudici di Strasburgo, la multa inflitta per aver "offeso la morale pubblica" ha dunque violato il diritto alla libertà d'espressione.


Download PDF