dossier
in evidenza
exLege, Num. 65, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 25-27, luglio2018

Diritto & Religioni , Num. 2, 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 21-24, giugno2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 1, aprile2018


ultimi documenti
Legge 22 febbraio 2018
n. 103-13
(Loi n. 103-13 relative à la lutte contre les violences faites aux femmes - Parlamento)

Costituzione apostolica 15 settembre 2018 (Costituzione Apostolica "Episcopalis communio" sul Sinodo dei Vescovi - Pontefice)

Comunicato 12 settembre 2018 (Comunicato relativo al decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101, recante: "Disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016" - Governo)

Sentenza 5 dicembre 2017
n. 57792/15
(Libertà religiosa ex art. 9 CEDU: il dovere di neutralità e imparzialità che non può essere opposto ai privati cittadini - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Decreto legislativo 3 agosto 2018
n. 105/2018
(Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117, recante: "Codice del Terzo settore, a norma dell’articolo 1, comma 2, lettera b), della legge 6 giugno 2016, n. 106" - Governo)

Decreto legislativo 10 agosto 2018
n. 101/2018
(Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016 - Governo)

Legge 8 luglio 2016
n. 11/2016
(Ley 11/2016, de 8 de julio, de garantía de los derechos y de la dignidad de las personas en el proceso final de su vida - Comunità autonoma Paesi Baschi)

Sentenza 21 agosto 2018
n. 9009/18
(Bestemmia in tv. Emittente responsabile per negligenza e imperizia - Tribunale Amministrativo)

Sentenza 30 luglio 2018
n. [2018] UKSC 46
(Possibilità di sospensione di idratazione e alimentazione artificiali, anche senza autorizzazione del giudice, in caso di accordo tra familiari e medici - Corte suprema)

Decreto legislativo 20 luglio 2018
n. 95
(Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 112, recante revisione della disciplina in materia di impresa sociale, ai sensi dell'articolo 1, comma 7, della legge 6 giugno 2016, n. 106 - Governo)


i più letti
Sentenza 3 novembre 2009,n.30814/06 (Affaire Lautsi c. Italie: l’exposition de la croix aurait également méconnu la liberté de conviction et de religion de la requérante et de ses enfants, protégée par l’article 9 CEDU - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Ordinanza 24 marzo 2006,n.127 (Esposizione del crocifisso nelle aule giudiziarie: inammissibilità del ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato - Corte Costituzionale)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Motu proprio 12 febbraio 2018
“Imparare a congedarsi”: le indicazioni del Pontefice sulle modalità di rinuncia all'ufficio ecclesiale per raggiunti limiti d’età

Autore: Pontefice
Data: 12 febbraio 2018
Argomento: Chiesa cattolica, Ministri di culto
Dossier: Chiesa cattolica
Nazione: Stato Città del Vaticano
Parole chiave: Motu proprio, Pontefice, Francesco, Rinuncia, Ufficio ecclesiale, Ufficio di nomina pontificia, Ufficio pastorale, Limiti d’età, Età

Abstract:

"Con il presente Motu Proprio stabilisco:

Art. 1. Al compimento dei settantacinque anni di età, i Vescovi diocesani ed eparchiali, e quanti sono loro equiparati dai canoni 381 § 2 CIC e 313 CCEO, come pure i Vescovi coadiutori e ausiliari o titolari con speciali incarichi pastorali, sono invitati a presentare al Sommo Pontefice la rinuncia al loro ufficio pastorale.

Art. 2. Compiuti i settantacinque anni, i Capi Dicastero della Curia Romana non Cardinali, i Prelati Superiori della Curia Romana e i Vescovi che svolgono altri uffici alle dipendenze della Santa Sede, non cessano ipso facto dal loro ufficio, ma devono presentare la rinuncia al Sommo Pontefice.

Art. 3. Allo stesso modo, i Rappresentanti Pontifici non cessano ipso facto dal loro ufficio al compimento dei settantacinque anni di età, ma in tale circostanza devono presentare la rinuncia al Sommo Pontefice.

Art. 4. Per essere efficace, la rinuncia di cui agli articoli 1-3 dev’essere accettata dal Sommo Pontefice, che deciderà valutando le circostanze concrete.

Art. 5. Una volta presentata la rinuncia, l’ufficio di cui agli articoli 1-3 è considerato prorogato fino a quando non sia comunicata all’interessato l’accettazione della rinuncia o la proroga, per un tempo determinato o indeterminato, contrariamente a quanto in termini generali stabiliscono i canoni 189 § 3 CIC e 970 § 1 CCEO."



Fonte: w2.vatican.va


Download PDF