dossier
in evidenza
Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 1, aprile2018

Apollinaris, Num. 2, 2016

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 17-20, maggio2018

exLege, Num. 4, 2016

exLege, Num. 3, 2016


ultimi documenti
Decreto ministeriale 27 aprile 2018
n. 50/2018
(Disposizioni in materia di trasformazione, fusione, scissione, cessione d'azienda e devoluzione del patrimonio da parte delle imprese sociali - Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali)

Sentenza 15 giugno 2018
n. 2018 SCC 33
(Accesso alle professioni legali e libertà religiosa. Trinity Western University v Law Society of Upper Canada - Supreme Court)

Sentenza 15 giugno 2018
n. 2018 SCC 32
(Accesso alle professioni legali e libertà religiosa. Law Society of British Columbia v Trinity Western University - Supreme Court)

Sentenza 20 dicembre 2017
n. C-372/16
(Ripudio islamico e regolamenti europei. Soha Sahyouni contro Raja Mamisch - Corte di Giustizia)

Legge regionale 7 giugno 2018
n. A2018-22
(Ombudsman Amendment Act 2018 - Parlamento)

Sentenza 10 aprile 2018
n. 31/2018
(Educazione scolastica differenziata in ragione del sesso e insegnamento della religione. Tribunale Costituzionale spagnolo e laicità dello Stato. - Corte Costituzionale)

Decreto generale 7 giugno 2018 (Norme circa il regime amministrativo dei tribunali ecclesiastici italiani in materia di nullità matrimoniale - Conferenza Episcopale Italiana (C.E.I.))

Sentenza 4 giugno 2018
n. 16-111
(Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission - Corte suprema)

Protocollo di intesa 20 aprile 2018 (Protocollo d'intesa tra Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara e rappresentanti delle comunità religiose, fedi viventi, associazioni ideologiche e morali per l'assistenza e consulenza religiosa e morale a persone non cattoliche e non credenti - )

Ordinanza 11 maggio 2018
n. 11553
(Delibazione della nullità matrimoniale e statuizioni economiche in favore del coniuge debole: differenza tra separazione e divorzio passato in giudicato - Corte di Cassazione - Civile)


i più letti
Sentenza 3 novembre 2009,n.30814/06 (Affaire Lautsi c. Italie: l’exposition de la croix aurait également méconnu la liberté de conviction et de religion de la requérante et de ses enfants, protégée par l’article 9 CEDU - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Sentenza 21 febbraio 2018, n. 1978
TAR Lazio: la pronuncia di una bestemmia è idonea a pregiudicare lo sviluppo morale e psichico dei minori

Autore: Tribunale Amministrativo
Data: 21 febbraio 2018
Argomento: Bestemmia, Famiglia, Minori, Tutela penale
Nazione: Italia
Parole chiave: Mezzi di comunicazione, Trasmissione televisiva, Programma televisivo, Minori, Sviluppo psichico e morale, Pregiudizio, Bestemmia, Offesa, Sentimento religioso, Morale

Abstract:

"(...) l’ “idoneità” della condotta a porre, in concreto, in pericolo il bene tutelato dall’art. 15 comma 10 l. n. 223/90 deve tenere conto della particolare rilevanza del bene stesso, quale desumibile anche dalle numerose fonti normative interne ed internazionali citate dalla sentenza della Cassazione (tra cui la Convenzione internazionale per i diritti del fanciullo, ratificata con legge n. 176/91, la Convenzione europea sulla televisione transfrontaliera, approvata con legge n. 327/91, e le direttive 89/552/CEE e 97/36/CE).
Infatti, le disposizioni di cui all’art. 15 comma 10 l. n. 223/90 <sono chiaramente volte alla tutela dello “sviluppo fisico, psichico e morale” del minore nei suoi rapporti con il medium radiotelevisivo ed alla protezione dello stesso da qualsiasi trasmissione o programma che sia idoneo ad arrecarvi pregiudizio. In altri termini, anche a fondamento delle disposizioni in esame…sta il riconoscimento del legislatore che questa, in ragione della sua "mancanza di maturità fisica ed intellettuale", ha bisogno "di una protezione e di cure particolari", al fine "dello sviluppo armonioso e completo della sua personalità" (tali espressioni sono contenute nel "preambolo" della Convenzione sui diritti del fanciullo dianzi richiamata); e che il particolare medium radiotelevisivo, per le sue note caratteristiche e per i suoi effetti, costituisce, da tempo e sempre più, insieme ad altri mezzi di comunicazione interpersonale e di massa (quale "Internet" in tutte le sue applicazioni), una delle componenti più importanti ("accanto", ad esempio, alla famiglia ed alla scuola) nello "sviluppo psichico e morale" del minore> (Cass. n. 6760/2004).
Proprio l’esigenza di particolare protezione del minore e la rilevanza del mezzo televisivo in relazione allo sviluppo dello stesso inducono il Tribunale a ritenere che il giudizio avente ad oggetto l’esistenza del pericolo, in concreto, per il bene (“sviluppo psichico o morale dei minori”) tutelato dalla prima parte dell’art. 15 comma 10 l. n. 223/90, debba essere improntato ad un particolare rigore.
Ciò posto, la pronuncia di una bestemmia risulta, per il suo contenuto, di per sé evidentemente idonea a pregiudicare lo sviluppo morale e psichico dei minori in ragione dell’offesa al sentimento religioso insita in essa."


Download PDF