dossier
in evidenza
Diritto & Religioni , Num. 2, 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 21-24, giugno2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 1, aprile2018

Apollinaris, Num. 2, 2016

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 17-20, maggio2018


ultimi documenti
Sentenza 18 gennaio 2018 (Adozione del minore da parte della donna convivente con la madre biologica cui è legata solo da un rapporto di amicizia - Corte d'Appello - Civile)

Sentenza 23 marzo 2018
n. 32028/2018
(Corte di Cassazione e aggravante della finalità di discriminazione - Corte di Cassazione - Penale)

Ordinanza 2 luglio 2018 (Questione di legittimità costituzionale e legge n.40/2004. Presunta incostituzionalità del divieto di accesso alla p.m.a. alle coppie omosessuali - Tribunale Civile)

Sentenza 4 luglio 2018
n. 145/18
(Adozione del figlio del partner in una coppia omogenitoriale. Superiore interesse del minore e procreazione medicalmente assistita - Corte d'Appello)

Ordinanza 13 giugno 2018
n. 15569/2018
(Protezione internazionale e mera possibilità di subire trattamenti inumani e degradanti - Corte di Cassazione - Civile)

Istruzione 8 giugno 2018 (Ecclesiae Sponsae Imago - Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica)

Sentenza 10 luglio 2018
n. C-25/17
( Responsabilità per la raccolta e il trattamento di dati personali acquisiti da Testimoni di Geova nell'esercizio della loro attività di predicazione porta a porta - Corte di Giustizia)

Sentenza 18 giugno 2018
n. 16031/18
(Organizzazioni di tendenza e tutela del lavoratore in caso di licenziamento - Corte di Cassazione - Civile, Sez. Lav.)

Decreto ministeriale 27 aprile 2018
n. 50/2018
(Disposizioni in materia di trasformazione, fusione, scissione, cessione d'azienda e devoluzione del patrimonio da parte delle imprese sociali - Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali)

Sentenza 15 giugno 2018
n. 2018 SCC 33
(Accesso alle professioni legali e libertà religiosa. Trinity Western University v Law Society of Upper Canada - Supreme Court)


i più letti
Sentenza 3 novembre 2009,n.30814/06 (Affaire Lautsi c. Italie: l’exposition de la croix aurait également méconnu la liberté de conviction et de religion de la requérante et de ses enfants, protégée par l’article 9 CEDU - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Ordinanza 24 marzo 2006,n.127 (Esposizione del crocifisso nelle aule giudiziarie: inammissibilità del ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato - Corte Costituzionale)

Regio decreto 9 giugno 2006,n.710/2006 (Desarrollo de los Acuerdos de Cooperación firmados por el Estado con la FEREDE, la FCI y la Comisión Islámica de España, en el ámbito de la asistencia religiosa penitenciaria - Ministerio de la Presidencia)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Ordinanza 09 marzo 2018
Il coniuge cattolico non ha il diritto di sottoporre esclusivamente al tribunale rotale la questione dello scioglimento del vincolo matrimoniale

Autore: Corte di Cassazione - Civile
Data: 9 marzo 2018
Argomento: Chiesa cattolica, Confessioni religiose, Delibazione, Matrimonio
Dossier: Chiesa cattolica, Confessioni religiose
Nazione: Italia
Parole chiave: Matrimonio, Matrimonio concordatario, Scioglimento, Giudizio di nullità, Cessazione degli effetti civili, Pregiudizialità

Abstract:
"il motivo di ricorso per cassazione con il quale si denunzi la violazione del diritto del coniuge, quale cattolico praticante, a sottoporre esclusivamente al tribunale rotale la questione dello scioglimento del suo matrimonio, è inammissibile, atteso che nell’ordinamento giuridico italiano non sussiste alcun diritto di tal fatta, né un rapporto di pregiudizialità tra il giudizio di nullità del matrimonio concordatario e quello avente ad oggetto la cessazione degli effetti civili dello stesso, trattandosi di procedimenti autonomi, sfocianti in decisioni di natura diversa ed aventi finalità e presupposti distinti"



 


LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SESTA CIVILE - 1

(omissis)

ha pronunciato la seguente
ORDINANZA

sul ricorso proposto da
(omissis)
- ricorrente -

nei confronti di
(omissis)
- controricorrente -

avverso la sentenza n. (omissis) della Corte di appello di (omissis) emessa il (omissis) e depositata il (omissis) R.G. n. (omissis);
sentita la relazione in camera di consiglio del cons. (omissis);

Rilevato che
1. Il Tribunale di (omissis) con sentenza n. (omissis) ha dichiarato la cessazione degli effetti civili del matrimonio contratto da (omissis) e (omissis) il (omissis). Ha posto a carico del (omissis) un assegno mensile di mantenimento di 800 euro e compensato integralmente le spese di lite.
2. La Corte di appello di (omissis), con sentenza n. (omissis), ha confermato la decisione di primo grado e condannato l’appellante (omissis) al pagamento delle spese processuali.
3. Ricorre per cassazione (omissis) deducendo: violazione e falsa applicazione dell’art. 295 c.p.c.; omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio; b) motivazione apparente.
4. Si difende con controricorso (omissis).
5. Il ricorrente deposita memoria difensiva.

Ritenuto che
6. Il primo motivo deve essere respinto alla luce della giurisprudenza di legittimità secondo cui il motivo di ricorso per cassazione con il quale si denunzi la violazione del diritto del coniuge, quale cattolico praticante, a sottoporre esclusivamente al tribunale rotale la questione dello scioglimento del suo matrimonio, è inammissibile, atteso che nell’ordinamento giuridico italiano non sussiste alcun diritto di tal fatta, né un rapporto di pregiudizialità tra il giudizio di nullità del matrimonio concordatario e quello avente ad oggetto la cessazione degli effetti civili dello stesso, trattandosi di procedimenti autonomi, sfocianti in decisioni di natura diversa ed aventi finalità e presupposti distinti (cfr. Cass. civ., sez. I, n. 17969 dell’11 settembre 2015; Cass. civ. sez. VI-1 n. 2089 del 30 gennaio 2014).
7. Il secondo motivo è anch’esso inammissibile perché non conforme ai requisiti richiesti dalla giurisprudenza di legittimità per la proposizione del ricorso per cassazione ai sensi dell’art. 360 n. 5 c.p.c. (Cass. civ. Sezioni Unite n. 8053 del 7 aprile 2014).

P.Q.M.
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali liquidate in complessivi euro 3.100, di cui 100 per spese, oltre accessori di legge e spese forfettarie. Dispone che, in caso di diffusione del presente provvedimento, siano omesse le generalità e gli altri dati identificativi delle parti a norma dell’art. 52 del decreto legislativo n. 196/2003.
Ai sensi dell’art. 13 comma 1 quater del D.P.R. n. 115 del 2002 dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma del comma 1 bis dello stesso art. 13.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del (omissis).

Il Presidente
(omissis)