dossier
in evidenza
Apollinaris, Num. 2, 2016

exLege, Num. 4, 2016

exLege, Num. 3, 2016

Ius Canonicum, Num. 115, 2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 3, dicembre2017


ultimi documenti
Considerazioni 6 gennaio 2018 (Oeconomicae et pecuniariae quaestiones. Considerazioni per un discernimento etico circa alcuni aspetti dell’attuale sistema economico-finanziario - Congregazione per la Dottrina della Fede)

Legge regionale 6 novembre 2017
n. 24
(Interventi regionali di aiuto e assistenza alle vittime del terrorismo e di informazione, formazione e ricerca per conoscere e prevenire i processi di radicalizzazione violenta - Regione Lombardia)

Statuto 8 maggio 2018 (Statuto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita - Pontefice)

Istruzione 27 aprile 2018 (L'Istruzione "Gli studi di Diritto Canonico alla luce della riforma del processo matrimoniale": strumento di orientamento dinanzi alle nuove esigenze manifestate dai Motu proprio Mitis Iudex Dominus Iesus e Mitis et misericors Iesus - Congregazione per l’Educazione Cattolica)

Nota 2 marzo 2018 (Nota preliminare ‘La sinodalità nella vita e nella missione della Chiesa’: il frutto di uno studio condotto dalla Commissione Teologica Internazionale - Commissione Teologica Internazionale - Chiesa cattolica)

Sentenza 17 aprile 2018 (La religione quale requisito essenziale per lo svolgimento di un'attività lavorativa presso un'organizzazione di tendenza religiosa: per la Corte di Giustizia UE deve poter essere oggetto di controllo giurisdizionale effettivo - Corte di Giustizia)

Sentenza 17 luglio 2017
n. 530
(Madrid: i giudici si pronunciano sul divieto per le detenute di indossare l'hijab durante la permanenza in un istituto penitenziario - Audiencia nacional)

Sentenza 11 luglio 2017 (Religione e spazio pubblico: per la Corte Edu il divieto introdotto con legge belga di indossare il Niqab nei luoghi pubblici è volto ad assicurare le condizioni necessarie per il funzionamento di una società democratica - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Sentenza 7 giugno 2017
n. 383
(Il TAR Sardegna si conforma ai giudici di Strasburgo nel ritenere che il crocifisso costituisca espressione dell’identità culturale e religiosa dei Paesi di tradizione cristiana - Tribunale Amministrativo)

Sentenza 29 marzo 2018
n. 14503
(Apologia di terrorismo: quando è possibile desumere i gravi indizi di colpevolezza per il reato di cui all’art. 270 bis c.p. - Corte di Cassazione - Penale)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Sentenza 07 giugno 2017, n. 383
Il TAR Sardegna si conforma ai giudici di Strasburgo nel ritenere che il crocifisso costituisca espressione dell’identità culturale e religiosa dei Paesi di tradizione cristiana

Autore: Tribunale Amministrativo
Data: 7 giugno 2017
Argomento: Laicità, Libertà religiosa, Simboli religiosi, UAAR
Dossier: Simboli religiosi, Crocifisso, Libertà religiosa, Scuola e Religione
Nazione: Italia
Parole chiave: Simboli religiosi, Crocefisso, Scuola, Aule scolastiche, Spazio pubblico, UAAR, Libertà religiosa, Identità culturale, Identità religiosa, Indottrinamento, Laicità

Abstract:


"...la Grande Camera della Corte europea per i diritti dell'uomo, con sentenza del 18 marzo 2011, ric.30814/06, ha assolto l’Italia dall'accusa di violazione dei diritti umani per l'esposizione del crocefisso nelle aule scolastiche, affermando che la cultura dei diritti dell’uomo non deve essere posta in contraddizione con i fondamenti religiosi della civiltà europea, a cui il cristianesimo ha dato un contributo essenziale. La Corte ha evidenziato inoltre che, secondo il principio di sussidiarietà, è doveroso garantire ad ogni Paese un margine di apprezzamento quanto al valore dei simboli religiosi nella propria storia culturale e identità nazionale e quanto al luogo della loro esposizione; in caso contrario, in nome della libertà religiosa si tenderebbe paradossalmente invece a limitare o persino a negare questa libertà, finendo per escluderne dallo spazio pubblico ogni espressione. Il crocifisso, in particolare, non viene considerato dai giudici di Strasburgo un elemento di indottrinamento, ma espressione dell’identità culturale e religiosa dei Paesi di tradizione cristiana."



Fonte del documento: http://ogl.chiesacattolica.it
(http://ogl.chiesacattolica.it/2017/11/16/esposizione-del-crocifisso-negli-edifici-pubblici/)


Download PDF