dossier
in evidenza
Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2018

Apollinaris, Num. 1, 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 30-34, ottobre2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 28-29, settembre2018

exLege, Num. 65, 2018


ultimi documenti
Sentenza 14 novembre 2018
n. C-342/17
(Divieto alle imprese private di esercitare attività di conservazione di urne cinerarie. Corte di Giustizia UE e libertà di stabilimento - Corte di Giustizia)

Delibera 28 marzo 2018
n. 365/2018
(Visita ispettiva effettuata dalla Guardia di Finanza, su delega dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, presso l’Opera Laica Santa Croce di Firenze - ANAC)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2747/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2807/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Sentenza 6 novembre 2018
n. C-622-623/16
(Obbligo di recupero degli aiuti illegali concessi sulla base dell'esenzione dall'ICI. Corte di Giustizia UE e aiuti di Stato - Corte di Giustizia)

Sentenza 12 ottobre 2018
n. 186/2018
(Detenuti in regime di 41-bis e divieto di cuocere cibi in carcere. Dichiarazione di illegittimità costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 8 ottobre 2018
n. 2227/2018
(Ancora TAR Lombardia e libertà di religione. Questione di legittimità costituzionale e legge regionale sull'edilizia di culto - Tribunale Amministrativo)

Sentenza 3 agosto 2018
n. 1939/2018
(TAR Lombardia e legge regionale in materia di edilizia di culto. Questione di legittimità costituzionale - Tribunale Amministrativo)

Sentenza 27 agosto 2018
n. 2018/18
(TAR Lombardia e Comune di Cantù. Necessità del permesso di costruire per utilizzare un immobile a fini di culto - Tribunale Amministrativo)

Ordinanza 16 luglio 2018 (Maternità surrogata e ordine pubblico. La prevalenza dell'interesse del minore - Corte d'Appello)


i più letti
Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Sentenza 3 novembre 2009,n.30814/06 (Affaire Lautsi c. Italie: l’exposition de la croix aurait également méconnu la liberté de conviction et de religion de la requérante et de ses enfants, protégée par l’article 9 CEDU - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Ordinanza 24 marzo 2006,n.127 (Esposizione del crocifisso nelle aule giudiziarie: inammissibilità del ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato - Corte Costituzionale)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Sentenza 21 agosto 2018, n. 9009/18
Bestemmia in tv. Emittente responsabile per negligenza e imperizia

Autore: Tribunale Amministrativo
Data: 21 agosto 2018
Argomento: Bestemmia, Famiglia, Libertà religiosa, Mezzi di comunicazione, Minori, Tutela penale
Dossier: Libertà religiosa, Paesi Unione europea
Nazione: Italia
Parole chiave: Bestemmia, Televisione, Minori, Caso fortuito, Colpevolezza, Negligenza, Imperizia

Abstract: Il TAR del Lazio ha confermato la colpevolezza dell'emittente televisiva che ha mandato in onda, pur accidentalmente, una bestemmia, in quanto contenuto certamente lesivo dello sviluppo dei minori. La condotta dell'emittente è senza dubbio connotata da negligenza e imperizia, trattandosi di contenuto preregistrato, sul quale pertanto poteva essere effettuato un preventivo controllo prima della sua messa in onda ed essendo stato trasmesso per ben due volte. 

Fatto e diritto 

Con atto n.113 del 25 giugno 2015, notificato il successivo 23 luglio 2015, l’AGCom irrogava a RAI spa la sanzione amministrativa pecuniaria di €25.000,00, per violazione dell’art.34, commi 2, 6 del D.Lgs. n.177 del 2005 e del §2.5b del Codice di autoregolamentazione tv e minori, avendo mandato in onda su RAI 1, nel corso della trasmissione “Uno mattina” del 18 ottobre 2014, alle ore 10:30, un’imprecazione, per due volte, contenuta in un pezzo preregistrato. 
RAI spa impugnava la suddetta determina, censurandola per violazione dell’art.34, commi 2, 6 del D.Lgs. n.177 del 2005, dell’art.3 della Legge n.689 del 1981, dell’art.4 dell’all. A alla delibera n.410/14/Cons., del §2.5b del Codice di autoregolamentazione tv e minori, della delibera n. 165/06/CSP, del principio di ragionevolezza. 
La ricorrente in particolare ha fatto presente che nella motivazione del provvedimento non si dava conto della proposta dell’Ufficio competente (1); che in ogni caso l’evento occorso era stato accidentale, imprevedibile, senza responsabilità per l’emittente, nell’ambito di un programma come “Uno mattina” adatto a tutti (2); che in definitiva, essendo il fatto disceso da un caso fortuito, difettava l’elemento della colpevolezza (3). 
L’AGCom si costituiva in giudizio per la reiezione del gravame, illustrandone con successiva memoria l’infondatezza nel merito. 
Con altra memoria l’interessata ribadiva i propri assunti. 
Si costituivano in giudizio per il rigetto dell’impugnativa anche il Codacons e l’Associazione Utenti Servizi Radiotelevisivi, deducendo in rito l’inammissibilità del ricorso per contraddittorietà e nel merito la sua infondatezza. 
Nell’udienza del 9 maggio 2018 la causa veniva discussa e quindi trattenuta in decisione. 
Il Collegio tralascia l’esame della suindicata eccezione di rito per difetto di rilevanza, stante l’infondatezza nel merito del ricorso, che va pertanto respinto. 
Invero, quanto al primo motivo di ricorso, va evidenziato che trattasi di censura meramente incentrata sulla procedura, inidonea per ciò solo a determinare, ex art.21 octies, comma 2 della Legge n. 241 del 1990, l’annullamento dell’atto impugnato, preceduto per giunta da contraddittorio procedimentale congruo e adeguato (cfr. all.1 al ricorso e, tra le ultime, TAR Lazio, III, n. 205 del 2018). 
In relazione al secondo motivo occorre rilevare che si è senza alcun dubbio trattato, quale bestemmia/imprecazione, di contenuto lesivo dello sviluppo dei minori, mandato in onda per ben due volte e per giunta quale pezzo preregistrato, con condotta connotata da negligenza e imperizia. 
Con riferimento in ultimo al terzo motivo, legato al secondo, non può non riconoscersi sussistente l’elemento della colpevolezza in capo all’emittente, ex art.3 della Legge n.689 del 1981, quanto meno sub specie di negligenza, trattandosi appunto di contenuto preregistrato, sul quale pertanto poteva essere effettuato un preventivo controllo prima della sua messa in onda, e di imperizia, essendo stato trasmesso per ben due volte. 
Le spese di giudizio, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza. 

P.Q.M. 

Definitivamente pronunciando, respinge il ricorso n.12630/2015 indicato in epigrafe. 
Condanna la parte ricorrente al pagamento, in parti uguali, in favore dell’AGCom da un lato e del Codacons con l’Associazione Utenti Servizi Radiotelevisivi dall’altro, delle spese di giudizio, che liquida complessivamente in €2.000,00 (Duemila/00) oltre ad accessori di legge. 
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'Autorità amministrativa.