dossier
in evidenza
Cañamares Arribas Santiago, Igualdad religiosa en las relaciones laborales

Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero, Annali di Diritto Vaticano 2018

Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela, Religioni, diritto e regole dell'economia

Mantineo Antonino - Montesano Stefano, L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti

Zuanazzi Ilaria - Ruscazio Maria Chiara, Le relazioni familiari nel diritto interculturale


Diritto & Religioni , Num. 1, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 35-38, novembre2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2018

Apollinaris, Num. 1, 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 30-34, ottobre2018


ultimi documenti
Guidance 11 dicembre 2018 (Pastoral Guidance for use in conjunction with the Affirmation of Baptismal Faith in the context of gender transition - Church of England)

Regolamento 27 novembre 2018 (Regolamento delle scuole dell'infanzia del Comune di Trieste - Comune)

Sentenza 4 giugno 2018
n. 584 U.S. (2018)
(Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission. Corte suprema, free speech clause e free exercise clause - Corte suprema)

Motu proprio 7 dicembre 2018
n. CCLXXIV
(Legge sul Governo dello Stato della Città del Vaticano - Pontefice)

Ordinanza 17 novembre 2018
n. 207/2018
(Vicenda Cappato: le motivazioni dell'ordinanza di rinvio della Corte Costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 14 novembre 2018
n. C-342/17
(Divieto alle imprese private di esercitare attività di conservazione di urne cinerarie. Corte di Giustizia UE e libertà di stabilimento - Corte di Giustizia)

Delibera 28 marzo 2018
n. 365/2018
(Visita ispettiva effettuata dalla Guardia di Finanza, su delega dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, presso l’Opera Laica Santa Croce di Firenze - ANAC)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2747/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2807/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Sentenza 6 novembre 2018
n. C-622-623/16
(Obbligo di recupero degli aiuti illegali concessi sulla base dell'esenzione dall'ICI. Corte di Giustizia UE e aiuti di Stato - Corte di Giustizia)


i più letti
Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)

Accordo 12 gennaio 2009 (Accordo fra il Land Schleswig-Holstein e la Santa Sede - Santa Sede - Schleswig-Holstein)


Religioni, diritto e regole dell'economia, Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela

L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti, Mantineo Antonino - Montesano Stefano

Enseñanza (la) Religiosa Evangélica en la Comunidad Autónoma de Madrid, Moreno Botella Gloria

Le relazioni familiari nel diritto interculturale, Zuanazzi Ilaria - Ruscazio Maria Chiara

Fenomeni migratori, diritti umani e libertà religiosa, Ingoglia Antonio - Ferrante Mario


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Decreto 10 aprile 2006
Rimozione del crocifisso dai seggi elettorali

Autore: Corte d'Appello - Civile
Data: 10 aprile 2006
Argomento: Simboli religiosi
Dossier: Crocifisso
Nazione: Italia
Parole chiave: Seggi elettoriali, Crocifisso, Simboli religiosi, Presidente di seggio, Libertà di coscienza, Principio di laicità, Operazioni elettoriali

Abstract: Compete alla responsabile decisione del presidente del seggio accertare e verificare che la sala destinata alle elezioni, abbia le caratteristiche e gli arredi indispensabili per la funzione che deve assolvere, nella piena osservanza di quanto prescritto dall’art. 42 del T.U. in materia elettorale e delle disposizioni tecniche emanate dal competente Ministero dell’Interno. Tra ciò che detta sala deve avere non è in ogni caso menzionato o considerato il crocefisso, rilevando semplicemente l’opportunità che il luogo destinato alle elezioni sia uno spazio assolutamente neutrale, privo quindi di elementi che possano, in qualsiasi modo, anche indirettamente e/o involontariamente, creare suggestioni o influenzare l’elettore.

Corte d'appello di Perugia. Decreto 10 aprile 2006: "Rimozione del crocifisso dai seggi elettorali".

IL PRESIDENTE DELLA CORTE DI APPELLO

Letta la nota prot. 10993/06/S.E., datata 9 aprile 2006, con la quale il Prefetto di Terni ha rappresentato a questo Presidente l’opportunità di provvedere alla revoca della nomina del presidente del seggio elettorale n. 8, installato nel Comune di [...], sig. F.C., per avere lo stesso rimosso il crocifisso ivi ubicato ed omesso, inoltre, di ottemperare alla diffida del Sindaco di [...], a ripristinare la collocazione di detto crocifisso, “creando notevole tensione all’interno del seggio”;

esaminati gli atti, trasmessi in allegato alla predetta nota prefettizia, via fax, in pari data, tramite il Commissariato di P.S. di [...] alle ore 22.29 del 9 aprile 2006;

OSSERVA

Questo Presidente ritiene di non potere fare luogo al provvedimento di revoca richiesto dal Prefetto di Terni, in quanto, non ricorrono, nella fattispecie, le indispensabili condizioni richieste dalla normativa vigente in materia.

Ed, invero, l’articolo 35 del T.U. delle leggi recanti norme per le elezione della Camera dei Deputati, approvato con il D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361, prevede, al primo comma, che la nomina dei presidenti di seggio deve essere effettuata dal Presidente della Corte di Appello competente per territorio entro il 30° giorno precedente quello della votazione fra una categoria di soggetti qualificati, elencati nella stessa norma, nonché fra “quei cittadini che, a giudizio del Presidente medesimo, siano idonei all’ufficio, esclusi gli appartenenti alle categorie elencato all’art. 38”.

Dal tenore letterale della norma in esame, appare evidente che la nomina dei comuni cittadini a presidente di seggio presuppone un giudizio di idoneità degli stessi, a svolgere, responsabilmente, il delicato ufficio di presidente di seggio.

Orbene, non può ritenersi che tale giudizio di idoneità sia venuto meno, per avere il Presidente del seggio n. 8 di [...] rimosso il crocifisso appeso alla parete della sua sezione e per avere inoltre omesso di ottemperare alla ordinanza del Sindaco di [...] che lo ha diffidato a ripristinarne la collocazione.

Ciò per un triplice ordine di ragioni.

La prima ragione è dovuta al fatto che è assolutamente irrilevante, nella fattispecie in esame, che il seggio sia collocato in un’aula scolastica, dovendosi, invece, considerare tale aula come mero spazio fisico, attualmente e per l’occasione, destinato a svolgere una funzione diversa da quella dell’attività didattica propria della scuola.

La seconda ragione è dovuta al fatto che compete alla responsabile decisione del presidente del seggio accertare e verificare che la sala destinata alle elezioni, abbia le caratteristiche e gli arredi indispensabili per la funzione che deve assolvere, nella piena osservanza di quanto prescritto dall’art. 42 del T.U. sopra citato e delle disposizioni tecniche emanate dal competente Ministero dell’Interno.

Orbene, tra ciò che la sala delle elezioni deve avere non è affatto menzionato o considerato il crocefisso, il cui indubbio valore simbolico non è peraltro in discussione in questa sede, rilevando semplicemente l’opportunità che la sala destinata alle elezioni sia uno spazio assolutamente neutrale, privo quindi di simboli che possano, in qualsiasi modo, anche indirettamente e/o involontariamente, creare suggestioni o influenzare l’elettore.

La terza ed ultima ragione, addirittura assorbente, è che dalla nota prefettizia in esame non è affatto dato di ricavare che la decisione del presidente del seggio, di rimuovere il crocifisso, abbia inciso negativamente sullo svolgimento delle operazioni elettorali.

Né si può sostenere il contrario sulla base della segnalata “notevole tensione all’interno del seggio”.

Tale tensione si deve considerare come un fenomeno del tutto fisiologico, del quale si dovrà dare atto nel processo verbale relativo alle operazioni elettorali, come segno della normale dialettica, verificatasi tra il presidente e gli altri componenti del seggio, su una determinazione che potrà anche non essere condivisibile da parte di costoro ma che nel caso concreto, non presenta affatto i caratteri della prospettata illegittimità.

Per completezza sul punto, questo Presidente osserva ulteriormente che - salva ed impregiudicata ogni altra valutazione di competenza dell’Autorità Giudiziaria penale sulla inottemperanza del presidente del seggio alla diffida rivoltagli dal Sindaco di Amelia - siffatta condotta è anche essa irrilevante ai fini in esame, per la semplice considerazione che il provvedimento sindacale è stato adottato sulla base del R.D. 30.4.1924, n. 965, non pertinente alla fattispecie in esame, in quanto riferibile soltanto agli istituti di istruzione ossia alle scuole, mentre, come si è già sopra rilevato, si versa in materia di seggi elettorali, solo, accidentalmente, allocati in aule scolastiche con una funzione, però, completamente diversa.

Visto l’art. 35 del D.P.R. 361/1957;

P.Q.M.

Dichiara non luogo a provvedere sulla istanza del Prefetto di Terni, di revoca della nomina di C.F. a presidente del seggio n. 8 del Comune di [...], fraz. [...] e della sua sostituzione con il vicepresidente.

Ordina alla segreteria di comunicare immediatamente , via fax, il presente provvedimanto al Prefetto di Terni, al signor C.F. e al Sindaco di [...], per quanto di rispettiva competenza.