Concordati Giovanni Paolo II

Dopo il Concilio Vaticano II, si era diffusa la convinzione che l'era dei concordati fosse finita. Tali accordi erano infatti considerati un sistema di relazioni tra Stato e Chiesa non più in grado di rispondere alle attuali esigenze di coesistenza e collaborazione effettive, e si riteneva che l'indirizzo di pensiero post-conciliare comportava un'esplicita svalutazione dello strumento pattizio, in quanto sussidiario e secondario per l'attuazione di principi cui lo Stato, di regola, mostrava di ispirarsi autonomamente.
Tali giudizi sono stati smentiti dalle successive vicende dell'istituto. Già nel 1983, guardando alla politica concordataria di Paolo VI, Francesco Margiotta Broglio aveva notato che, nei quindici anni del suo pontificato, Montini era riuscito a concludere trenta accordi, vale a dire un numero di concordati superiore a quello raggiunto dai suoi due predecessori, e che era aumentato, rispetto ai due pontefici precedenti, il numero di accordi che tendevano a regolare tutta la problematica delle relazioni tra Stato e Chiesa o ad integrare convenzioni già stipulate. Quanto a Giovanni Paolo II, la constatazione che i ventisette anni del suo pontificato sono stati non solo un periodo di grande attività concordataria, ma anche di notevole attività della S. Sede sullo scenario internazionale appare persino ovvia.
In questi anni molti paesi, soprattutto europei, sono stati coinvolti dallo slancio dell'iniziativa concordataria della S. Sede, sia che fossero di antica tradizione concordataria rinnovata da nuovi accordi (Italia e Spagna), sia che riprendessero una tradizione interrotta da lungo tempo (come Polonia, Lettonia e Lituania), sia che non avessero mai adottato prima tale sistema di rapporti Stato-Chiesa (Albania ed Estonia). Ad essi vanno aggiunti anche tre paesi asiatici, cinque sudamericani, quattro africani ed uno dell'America Centrale. Da ultimo, e vanno considerati una categoria a parte, vanno aggiunti i Länder tedeschi che hanno concluso accordi nuovi o hanno modificato quelli già in vigore. (R. Bottoni e G. Giovetti)

i concordati

Analisi e Approfondimenti

ANALISI



APPROFONDIMENTI

Fonti:

  • Jose T. Martín De Agar (a cura di), Raccolta di Concordati 1950-1999 , Città del Vaticano, 2000
  • Enchiridion dei concordati , Edizioni Dehoniane, Bologna, 2003

Indicazioni bibliografiche:

  • Dall'accordo del 1984 al disegno di legge sulla liberta religiosa: un quindicennio di politica e legislazione ecclesiastica , Presidenza del Consiglio dei ministri, Roma, 2001
  • Carrère d'Encausse, Hélène et Philippe Levillain (Dir.), Nations et le Saint Siège au XXe siècle , Fayard, Paris, 2003
  • Ugo Colombo Sacco, Giovanni Paolo II e la nuova proiezione internazionale della Santa Sede: 1978-1996. Una guida introduttiva , Giuffrè, Milano, 1997
  • Joel-Benoit d'Onorio, La diplomatie de Jean Paul II , Cerf, Paris, 2000
  • Marco Mugnaini (a cura di), Stato, Chiesa e relazioni internazionali , Franco Angeli, Milano, 2003
  • Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, 1/1999
  • Andrea Riccardi, Il governo carismatico. 25 anni di pontificato , Mondatori, Milano, 2003
  • Marek Smid e Cyril Vasil (a cura di), Relazioni internazionali giuridiche bilaterali tra la Santa Sede e gli Stati: esperienze e prospettive, 12-13 dicembre 2001 , Libreria editrice vaticana, Città del Vaticano, 2003

Nel web: