dossier

autori libri
in evidenza
Serra Beatrice, Ad normam iuris. Paradigmi della legalità nel diritto canonico

Cañamares Arribas Santiago, Igualdad religiosa en las relaciones laborales

Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero, Annali di Diritto Vaticano 2018

Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela, Religioni, diritto e regole dell'economia

Mantineo Antonino - Montesano Stefano, L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti


Anuario de Derecho Eclesiástico del Estado, Num. 34, 2018

Diritto & Religioni , Num. 1, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 35-38, novembre2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2018

Apollinaris, Num. 1, 2017


ultimi documenti
Ordinanza 12 settembre 2018
n. 22218/18
(Efficacia della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale in caso di volontà espressa di un coniuge di escludere l'indissolubilità del vincolo. Corte di Cassazione e vizio del consenso - Corte di Cassazione - Civile)

Guidance 11 dicembre 2018 (Pastoral Guidance for use in conjunction with the Affirmation of Baptismal Faith in the context of gender transition - Church of England)

Regolamento 27 novembre 2018 (Regolamento delle scuole dell'infanzia del Comune di Trieste - Comune)

Sentenza 4 giugno 2018
n. 584 U.S. (2018)
(Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission. Corte suprema, free speech clause e free exercise clause - Corte suprema)

Motu proprio 7 dicembre 2018
n. CCLXXIV
(Legge sul Governo dello Stato della Città del Vaticano - Pontefice)

Ordinanza 17 novembre 2018
n. 207/2018
(Vicenda Cappato: le motivazioni dell'ordinanza di rinvio della Corte Costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 14 novembre 2018
n. C-342/17
(Divieto alle imprese private di esercitare attività di conservazione di urne cinerarie. Corte di Giustizia UE e libertà di stabilimento - Corte di Giustizia)

Delibera 28 marzo 2018
n. 365/2018
(Visita ispettiva effettuata dalla Guardia di Finanza, su delega dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, presso l’Opera Laica Santa Croce di Firenze - ANAC)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2747/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2807/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)


Ad normam iuris. Paradigmi della legalità nel diritto canonico, Serra Beatrice

Annali di Diritto Vaticano 2018, Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero

Religioni, diritto e regole dell'economia, Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela

L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti, Mantineo Antonino - Montesano Stefano

Fenomeni migratori, diritti umani e libertà religiosa, Ingoglia Antonio - Ferrante Mario


libri

stampa

Mancini Susanna

S. Mancini
Il potere dei simboli, i simboli del potere.
Laicità e religione alla prova del pluralismo
Cedam, 2008, p. XII-232
Collana: CISR - Centro Italiano per lo Sviluppo della Ricerca, diretta dal prof. Giuseppe de Vergottini
Prezzo: € 17,50
ISBN: 978-88-13-29169-3




I conflitti sui simboli religiosi nello spazio pubblico riflettono le angosce, le contraddizioni e le ambiguità in cui si dibattono le democrazie occidentali nella gestione della diversità culturale e nella ridefi nizione del modello di cittadinanza nell’epoca della globalizzazione. L’analisi comparata delle risposte a questi confl itti nei più consolidati ordinamenti di democrazia liberale rivela un generale offuscamento della linea di demarcazione tra laicità e religione ed una tendenza all’uso strategico di entrambe come fattori di coesione sociale e come clausole di tutela dell’omogeneità culturale. A far le spese di questo fenomeno è soprattutto l’Islam, sempre più esplicitamente caratterizzato in termini di netto antagonismo rispetto ad una non meglio identifi cata “civiltà occidentale”, di cui la cristianità, seppure nella sua versione secolarizzata, costituirebbe un elemento strutturale. Ne risulta una gerarchizzazione delle culture e delle religioni, la discriminazione sistematica delle minoranze religiose, e la loro relegazione nella periferia democratica, e cioè un modello di cittadinanza-fortezza, incompatibile con la democrazia aperta, inclusiva e partecipativa che l’Europa teoricamente propugna.


INDICE - SOMMARIO
Prefazione 1
Introduzione 3
I simboli religiosi tra globalizzazione, privatizzazione e fondamentalism o

Capitolo I - I simboli del potere: La preferenza per la cristianità nello spazio pubblico delle
democrazie occidentali

1. Il giudice teologo e la laicità confess ionalista: il caso italiano 16
2. La preferenza per la cristianità in Germania e la lezione svizzera: la laicità tra esclusione ed inclusione 28
2.1. Le Christliche Gemeinschaftsschulen 29
2.2. La “soluzione bavarese” alla controversia sul crocifisso 31
2.3. La lezione svizzera: la laicità come garanzia di inclusione 38
3. Gli Stati Uniti: il “non preferenzialismo” preferenzialista 41
3.1. Il regime delle scuole private: il favore per l’istruzione cristiana 45
3.2. L’applicazione della Free Exercise Clause: lo sfavore per le pratiche religiose “non ortodosse” 49
3.3. La disciplina dei simboli religiosi nello spazio pubblico: il presepe, le renne e la slitta di Babbo Natale 54
4. Considerazioni conclusive 66

Capitolo II - Il potere dei simboli: il velo che svela le nostre paure

1. I simboli di minoranza e il problema della definizione del loro significato 72
1.1. La giurisprudenza francese precedente la legge del 2004 72
1.2. Federalismo, velo islamico e intolleranza: il caso tedesco 78
1.3. La Gran Bretagna: Shabina Begum e i limiti del multiculturalismo inclusivo 84
1.4. Divieto e pregiudizio: la lezione canadese 94
2. L ’aménagement raisonable e la dottrina del margine di apprezzamento degli Stati: la giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. 101
2.1. L’aménagement raisonable 101
2.2. Il misterioso margine di apprezzamento 106
2.3. La questione del velo davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo 121
3. I l velo e l’eguaglianza di genere 138
3.1. Il multiculturalismo fa male alle donne? 138
3.2. Velo islamico ed eguaglianza di genere: una collisione necessaria? 143

Capitolo III - Laicità e religione come clausole di salvaguardia dell’omogeneità culturale

1. L ’islam nello spazio pubblico delle democrazie occidentali: la costruzione del “nemico” 153
1.1. Democrazia militante, stato di emergenza e stato di stress 153
1.2. Islam e Stato di stress: la costruzione del “nemico” 161
1.3. Laicità e religione come clausole di protezione della Costituzione: il ruolo dei simboli religiosi 166
2. Il dilemma turco: la laicità ultra-militante e lo spettro dello scontro di civiltà 174
2.1. Laicità e protezione della costituzione: il Refah Partisi e l’antisistemicità dei partiti religiosi 174
2.2. La Turchia e l’Europa: lo spettro dello scontro di civiltà 191
3. Costituzionalismo, pluralismo, laicità e religione: una convivenza possibile? 199

Conclusioni
Noi e gli altri: l’eguaglianza, la partecipazione e il dialogo 209

Indice delle opere citate 223


Susanna Mancini è professore di diritto pubblico comparato a Bologna e insegna regolarmente
presso diverse università europee e nordamericane. Si occupa di multiculturalismo, eguaglianza di
genere, diritti delle minoranze, confl itti etnici, federalismo e secessione.