Newsletter OLIR.it - Anno X, n. 08-09/2013

Focus

La Chiesa "Madre e Pastora" di Papa Francesco
(Daniela Milani – Università degli Studi di Milano)

Fra le affermazioni fatte da Papa Francesco nell'intervista al Direttore della Civiltà Cattolica pubblicata il 19 settembre 2013 un'ampia risonanza mediatica hanno avuto soprattutto quelle rilasciate in tema di divorzio, aborto, contraccezione e matrimonio omosessuale. Sebbene infatti l'intervista non si concentri solo su questi aspetti le dichiarazioni fatte dal Pontefice al riguardo sono state per lo più interpretate come il preludio di un'autentica rivoluzione etica a lungo auspicata.

«La religione» afferma Papa Bergoglio «ha il diritto di esprimere la propria opinione a servizio della gente, ma Dio nella creazione ci ha resi liberi: l'ingerenza spirituale nella vita personale non è possibile» (p. 463).

Indipendentemente dalle scelte personali - continua il Pontefice - «(b)isogna sempre considerare la persona. Qui entriamo nel mistero dell'uomo. Nella vita Dio accompagna le persone, e noi dobbiamo accompagnarle a partire dalla loro condizione. Bisogna accompagnare con misericordia» (p. 463).

È dunque la misericordia, anzi il «misericordiando» (p. 451) con cui il Pontefice traduce quasi provocatoriamente il miserando del suo motto - Miserando atque eligendo - a dover orientare l'azione dei ministri della Chiesa chiamati a «curare le ferite» e a «riscaldare il cuore dei fedeli» (p. 461): i ministri della Chiesa devono essere «innanzitutto (...) ministri di misericordia» (p. 462). Anche nelle situazioni eticamente più discutibili bisogna, in sostanza, guardare sempre al «contesto» (pp. 463-464).

L'invito rivolto ai ministri della Chiesa ad agire secondo misericordia - soprattutto nel confessionale -, seppure coerente con l'affermazione della centralità della persona e della cura alla stessa dovuta in termini di «prossimità» (p. 461), non sembra tuttavia travolgere le regole vigenti in materia, incluse le sanzioni di natura spirituale e penale previste dall'ordinamento canonico per la violazione di esse. Ciò che l'invito a considerare il contesto pare invece auspicare è la ricerca di un equilibrio fra il dovere di curare le ferite e il rispetto dei principi della Chiesa senza cadere in atteggiamenti eccessivamente lassisti o rigoristi (p. 462). Del resto - afferma Papa Francesco - «(i)l parere della Chiesa (...) lo si conosce, e io sono figlio della Chiesa» (p. 464).

Non a caso nel discorso rivolto dal Pontefice ai partecipanti all'incontro promosso dalla Federazione Internazionale delle Associazioni dei Medici cattolici, proprio all'indomani della pubblicazione dell'intervista, Papa Bergoglio si è espresso in assoluta continuità con l'insegnamento tradizionale della Chiesa in tema di aborto e diritto alla vita.

Non è dunque sul terreno della misericordia bensì su quello della ricerca di nuove vie da solcare per annunciare la salvezza che pare destinata a giocarsi la partita del cambiamento, se un cambiamento effettivamente vi sarà. «Gli insegnamenti, tanto dogmatici quanto morali» - afferma il Pontefice - «non sono tutti equivalenti». La pastorale missionaria non deve essere «ossessionata dalla trasmissione disarticolata di una moltitudine di dottrine da imporre con insistenza (...). La proposta evangelica deve essere più semplice, profonda, irradiante» poiché «(è) da questa proposta che poi vengono le conseguenze morali» (p. 464). In altre parole - continua Papa Bergoglio - solo se l'annuncio della salvezza viene anteposto all'obbligazione morale e religiosa «l'edificio morale della Chiesa» può aspirare a salvarsi dal rischio di cadere «come un castello di carte» (p. 646).

Dal Vangelo all'etica e non viceversa: tale inversione di prospettive passa secondo Papa Francesco anche da un approccio antropologico che guardi a «come l'uomo si comprende oggi» senza trascurare l'apporto fondamentale delle altre scienze (p. 476). D'altro canto, ricorda ancora il Pontefice, «(l)a nostra non è una fede-laboratorio, ma una fede-cammino, una fede storica. Dio si è rivelato come storia, non come un compendio di verità astratte» (p. 474). Questo spiegherebbe perché «(c)i sono norme e precetti ecclesiali secondari che una volta erano efficaci, ma che adesso hanno perso di valore o significato» (p. 476).

Provare ad individuare quali siano questi precetti secondari non è semplice, così come non è facile per il momento prevedere se ed in quale misura le affermazioni e le aperture di Papa Bergoglio trasformeranno l'etica cattolica che oggi conosciamo. Certamente è difficile pensare che i principi su cui essa si fonda saranno in qualche misura intaccati, mentre è evidente che qualcosa si può fare sul terreno delle regole da questi derivanti: «(s)i cresce nella comprensione della verità» (p. 475) - afferma il Pontefice - e l'attitudine a mettersi in discussione, come "metodo di lavoro", sarà forse lo strumento più prezioso al servizio del "discernimento" di questo Papa.

Per approfondire:

In OLIR.it



Libri

(a cura di Stella Coglievina)


Riviste

(a cura di Daniela Milani)

News

(a cura di Anna Gianfreda)
  • Vaticano: Chirografo del Pontefice sull'istituzione di un Consiglio di Cardinali per il Governo della Chiesa universale e per la riforma della Curia Romana (30 settembre 2013) (leggi)
  • Università della Calabria: Presentazione del volume "L'Islam mediterraneo" (2 ottobre 2013) (leggi)
  • Rassegna Stampa: Diritto e Religione, i quotidiani italiani, a cura di Laura De Gregorio, n. 75 (29 settembre 2013) (leggi)
  • Milano: Seminario interdisciplinare "Ateismo e diritto all’intesa con lo Stato (Riflessioni a partire da Cass. civ., Sez. Un., 28/6/2013, n. 16305)" (14 ottobre 2013) (leggi)
  • Rassegna Stampa: Diritto e Religione, i quotidiani italiani, a cura di Laura De Gregorio, n. 74 (22 settembre 2013) (leggi)
  • Vaticano: Intervista del direttore di Civiltà Cattolica padre Antonio Spadaro a Papa Francesco (20 settembre 2013) (leggi)
  • Cile: Centro de Libertad Religiosa Derecho UC (CELIR), Boletin Juridico, Año VIII, n. 10, agosto 2013 (leggi)
  • Vercelli: Dialoghi e incontri sull'essere cittadini (21-27 settembre 2013) (leggi)
  • Bologna: Convegno nazionale ADEC "Per una disciplina che cambia. Il diritto canonico e il diritto ecclesiastico al tempo presente" (7-9 novembre 2013) (leggi)
  • Francia: Il ministro dell'Educazione Nazionale francese ha presentato la Carta della Laicità per la scuola (9 settembre 2013) (leggi)
  • Campobasso: Tavola rotonda sul tema "Per una disciplina democratica delle libertà di pensiero e di religione: metodi e contenuti" (10-11 ottobre 2013) (leggi)
  • Alcalà de Henares: VI Simposio Internacional de Derecho Concordatario "La enseñanza de la religión en la escuela pública" (16-18 ottobre 2013) (leggi)
  • Torino: Seminario nel 1700° anniversario dell’Editto di Milano "Da Costantino a oggi: la libera convivenza delle religioni" (24 ottobre 2013) (leggi)
  • Rassegna Stampa: Diritto e Religione, i quotidiani italiani, a cura di Laura De Gregorio, n. 73 (15 settembre 2013) (leggi)
  • Roma: Presentazione del numero 1/2013 dei Quaderni di Diritto e Politica Ecclesiastica (10 settembre 2013) (leggi)
  • Rassegna Stampa: Diritto e Religione, i quotidiani italiani, a cura di Laura De Gregorio, n. 72 (8 settembre 2013) (leggi)
  • Genova: Bando di concorso per l'ammissione al corso di dottorato in Diritto (2 settembre 2013) (leggi)
  • Diritti umani e libertà religiosa nei siti web delle istituzioni europee ed internazionali n.62 (luglio 2013) (leggi)
  • Piacenza: Campus residenziale per i dottorandi del SSD IUS/11 Diritto ecclesiastico e diritto canonico (3-6 settembre 2013) (leggi)
  • Roma: Diritto Vaticano (I Edizione) Scuola di Alta formazione in Diritto Canonico, Ecclesiastico e Vaticano - A.A. 2013-2014 (leggi)
  • Internet: "Turkey: Is it possible to manifest religion or belief in teaching and education?", in www.forum18.org (20 August 2013) (leggi)
  • Francia: Rapporto sul tema dell'abbattimento degli animali e dei controlli sulle carni (17 luglio 2013) (leggi)
  • Vaticano: Messaggio di Papa Francesco ai musulmani per la fine del Ramadan (10 luglio 2013) (leggi)
  • Vaticano: Firma di un Protocollo d’intesa tra l’Autorità di Informazione Finanziaria (AIF) della Santa Sede e Città del Vaticano e l’Unità di Informazione Finanziaria (UIF) della Banca d'Italia (26 luglio 2013) (leggi)
  • Rassegna Stampa: Diritto e Religione, i quotidiani italiani, a cura di Laura De Gregorio, n. 71 (28 luglio 2013) (leggi)


Documenti

(a cura di Isabella Bolgiani)
  • Corte di Cassazione - Civile, Sentenza 18 settembre 2013,n. 21331 - Matrimonio concordatario: delibazione della pronuncia ecclesiastica dichiarativa della nullità e richiesta di revisione dell'assegno divorzile
    La delibazione della pronuncia ecclesiastica dichiarativa della nullità del matrimonio non costituisce un elemento sopraggiunto, in grado di incidere sul provvedimento economico contenuto nella sentenza di divorzio. La revisione (che è ipotesi diversa da quella della estinzione del diritto all’assegno divorzile per nuove nozze o morte del beneficiario) trova, infatti, la sua naturale giustificazione solo in un mutamento delle condizioni economiche degli ex coniugi, tale da non rendere più attuali le ragioni giustificative dell’imposizione di un assegno divorzile ovvero della misura fissata nella sentenza di divorzio.
  • Corte di Cassazione - Sezioni Unite, Sentenza 16 settembre 2013,n. 21108 - Kafalah ed ingresso in Italia di minore straniero
    Non può essere rifiutato il nulla osta all’ingresso nel territorio nazionale, per ricongiungimento familiare, richiesto nell’interesse del minore cittadino extracomunitario affidato a cittadino italiano residente in Italia con provvedimento di kafalah pronunciato dal Giudice straniero nel caso in cui il minore stesso sia a carico o conviva nel paese di provenienza con il cittadino italiano ovvero gravi motivi di salute impongano che debba essere da questi personalmente assistito.
  • Crown Court, Sentenza 16 settembre 2013 - Regno Unito: Uso del niqab nelle aule giudiziarie
    E' consentito indossare il velo integrale (niqab) durante un procedimento giudiziario, a condizione, in primo luogo, di farsi identificare e, in secondo luogo, di rimuoverlo durante la deposizione. La richiesta da parte della Corte di rimuovere il velo potrà tener conto delle circostanze della specie e, in ciascun caso, considerare la possibilità di predisporre degli "aggiustamenti": ad esempio, si possono predisporre degli strumenti (schermi, collegamenti live) per evitare al soggetto di mostrarsi a viso scoperto direttamente in pubblico; allo stesso modo, per quanto riguarda l'identificazione, la donna può richiedere che questa sia effettuata da un funzionario di sesso femminile. Data la mancanza (sottolineata dal giudice), di una norma che regoli la questione, si afferma da un lato la necessità di adottare, in ogni singolo caso, la soluzione che sia il meno restrittiva possibile della libertà religiosa; dall'altro si stabilisce una sorta di regola generale, in base alla quale la donna è libera di portare il niqab durante lo svolgimento del processo, ma deve rimuoverlo durante la deposizione. (Stella Coglievina)
  • Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Circolare ministeriale 29 agosto 2013 - Contratti insegnanti di religione cattolica incaricati annuali - Assunzione in servizio anno scolastico 2013/2014
  • Pontefice, Lettera apostolica 8 agosto 2013 - Lettera apostolica in forma di «motu proprio» per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio, del finanziamento del terrorismo e della proliferazione di armi di distruzione di massa
  • Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Ordinanza ministeriale 8 agosto 2013,n. 696 - Calendario delle festività e degli esami per l'anno 2013/2014
  • Governo, Decreto legge 8 agosto 2013,n. 91 - Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo
  • Giunta comunale, Deliberazione 2 agosto 2013,n. 1536 - Milano: Linee di indirizzo per la concessione in comodato d'uso gratuito alla Veneranda Fabbrica del Duomo di un locale al piano terra dell'edificio comunale denominato Palazzo Reale da destinare a Museo del Duomo
  • Court of Appeal, Sentenza 31 luglio 2013,n. 961 - Regno Unito: Divieto di suicidio assistito
    The Court of Appeal (Civil Division) decided that no defense of “necessity” exists within the homicide or assisted suicide Acts, and that only parliament can decide to change the law in relation to euthanasia and/or assisted suicide.
  • Ministero dell'Interno, Decreto ministeriale 30 luglio 2013 - Modalita' di presentazione delle domande di contributo da parte degli enti locali che prestano servizi finalizzati all'accoglienza dei richiedenti e dei titolari di protezione internazionale ed umanitaria, triennio 2014-2016. Linee guida
  • Commission Nationale Consultative des Droits de l'Homme, Varie 27 giugno 2013 - Avis sur l’identité de genre et sur le changement de la mention de sexe à l’état civil
  • Supreme Court, Sentenza 26 giugno 2013,n. 12-307 - USA: matrimonio tra persone dello stesso sesso
    The Supreme Court ruled that the Defense of Marriage Act (DOMA) is unconstitutional. The Court found in its opinion on DOMA that the act is "unconstitutional as a deprivation of the equal liberty of persons that is protected by the Fifth Amendment."
  • Parlamento europeo e Consiglio, Regolamento 26 giugno 2013,n. 604 - Regolamento che stabilisce i criteri e i meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l’esame di una domanda di protezione internazionale presentata in uno degli Stati membri da un cittadino di un paese terzo o da un apolide
  • Vescovo di Acireale, Decreto 20 giugno 2013,n. 983 - Privazione delle esequie ecclesiastiche per chi è stato condannato per reati di mafia
  • Parlamento, Legge 7 maggio 2013 - Gesetz zur Änderung personenstandsrechtlicher Vorschriften (in vigore dal 1° novembre 2013)
  • MIUR - BIBLIA (Associazione laica di cultura biblica), Protocollo di intesa 27 maggio 2013 - Educazione interculturale e dialogo interreligioso
  • Regione Puglia, Deliberazione della Giunta regionale 3 maggio 2013,n. 852 - Art. 21 l.r. n. 45/2012 - Sostegno agli oratori parrocchiali, Adozione dello schema di Avviso Pubblico per la partecipazione alla procedura di selezione di interventi per l’adeguamento alle norme di sicurezza, l’eliminazione delle barriere architettoniche



Se non visualizzi correttamente la newsletter clicca Qui
Ricevi questo messaggio in quanto iscritto alla Newsletter di OLIR. Vuoi cancellare la tua iscrizione?