Rigetto della pena di morte