dossier

elenco riviste
in evidenza
Serra Beatrice, Ad normam iuris. Paradigmi della legalitÓ nel diritto canonico

Ca˝amares Arribas Santiago, Igualdad religiosa en las relaciones laborales

Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero, Annali di Diritto Vaticano 2018

Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela, Religioni, diritto e regole dell'economia

Mantineo Antonino - Montesano Stefano, L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti


Anuario de Derecho Eclesißstico del Estado, Num. 34, 2018

Diritto & Religioni , Num. 1, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 35-38, novembre2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2018

Apollinaris, Num. 1, 2017


ultimi documenti
Guidance 11 dicembre 2018 (Pastoral Guidance for use in conjunction with the Affirmation of Baptismal Faith in the context of gender transition - Church of England)

Ordinanza 12 settembre 2018
n. 22218/18
(Efficacia della sentenza ecclesiastica di nullitÓ matrimoniale in caso di volontÓ espressa di un coniuge di escludere l'indissolubilitÓ del vincolo. Corte di Cassazione e vizio del consenso - Corte di Cassazione - Civile)

Regolamento 27 novembre 2018 (Regolamento delle scuole dell'infanzia del Comune di Trieste - Comune)

Sentenza 4 giugno 2018
n. 584 U.S. (2018)
(Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission. Corte suprema, free speech clause e free exercise clause - Corte suprema)

Motu proprio 7 dicembre 2018
n. CCLXXIV
(Legge sul Governo dello Stato della CittÓ del Vaticano - Pontefice)

Ordinanza 17 novembre 2018
n. 207/2018
(Vicenda Cappato: le motivazioni dell'ordinanza di rinvio della Corte Costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 14 novembre 2018
n. C-342/17
(Divieto alle imprese private di esercitare attivitÓ di conservazione di urne cinerarie. Corte di Giustizia UE e libertÓ di stabilimento - Corte di Giustizia)

Delibera 28 marzo 2018
n. 365/2018
(Visita ispettiva effettuata dalla Guardia di Finanza, su delega dellĺAutoritÓ Nazionale Anticorruzione, presso lĺOpera Laica Santa Croce di Firenze - ANAC)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2747/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertÓ di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2807/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertÓ di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la CittÓ Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - CittÓ Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7░ giorno - Parlamento)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperaciˇn del estado con la Federaciˇn de comunidades israelitas de Espa˝a - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e lĺUnione delle ComunitÓ ebraiche italiane - Parlamento)


Ad normam iuris. Paradigmi della legalitÓ nel diritto canonico, Serra Beatrice

Annali di Diritto Vaticano 2018, Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero

Religioni, diritto e regole dell'economia, Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela

L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti, Mantineo Antonino - Montesano Stefano

Fenomeni migratori, diritti umani e libertÓ religiosa, Ingoglia Antonio - Ferrante Mario


riviste

stampa

Periodica de re canonica

   Numeri precedenti: 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Direttore responsabile: Prof. James J. Conn, S.J.
Redazione: Damián G. Astigueta, S.J., Direttore e consiglieri Gianfranco Ghirlanda, S.J. e Yuji Sugawara, S.J.
Periodicità: trimestrale
Editore: Pontificia Università Gregoriana
Piazza della Pilotta, 35
00187 Roma
ISSN: 0031-529X

Redazione:
Pontificia Università Gregoriana
Piazza della Pilotta, 4
00187 Roma
Webpage: www.unigre.it/Periodica



Periodica de re canonica, più frequentemente denominata Periodica, è la rivista della Facoltà di Diritto Canonico presso la Pontificia Università Gregoriana.
Oltre agli studi e alle ricerche canonistiche la rivista pubblica commenti sulle sentenze rotali e sui decreti della Segnatura Apostolica. Vengono anche riportate le conferenze dei "Colloqui" della Facoltà con gli ex-alunni.
Il primo fascicolo di ogni anno presenta una bibliografia con le novità raccolte durante l’anno precedente, il quarto fascicolo riporta le informazioni sulle dissertazioni dottorali della Facoltà: gli argomenti presentati dagli studenti, le dissertazioni difese e quelle pubblicate.
La rivista è aperta ai contributi dei professori della Facoltà, giudici rotali, ufficiali di curia, operatori di tribunale e altri canonisti. A volte vengono pubblicati i risultati più interessanti delle dissertazioni dottorali in Facoltà. E’ il contributo della rivista all’aggiornamento sulle novità nella dottrina canonica, nella legislazione e nell’amministrazione della Chiesa e all’apertura di nuovi orizzonti nella riflessione sulla realtà ecclesiale.
Ogni volume (annata) di Periodica è pubblicato in quattro fascicoli di circa 700 pagine complessive. Gli articoli possono essere scritti in latino, italiano, francese, inglese, spagnolo e tedesco.


Storia della Rivista Periodica de re canonica

1. Periodo di Lovanio
La rivista nasce nell’Università di Lovanio, dove, ai primi del Novecento, il gesuita Arthur Vermeersch insegna teologia morale e diritto canonico. Nel 1911 fonda la rivista e la denomina De religiosis et missionariis supplementa et monumenta periodica. Il contenuto è presentato in due parti:
  • Supplementa, con temi sulla vita religiosa alla luce della dottrina canonica.
  • Monumenta, con la pubblicazione di decreti e altri documenti sui religiosi, pubblicati dai dicasteri della Santa Sede.
2. Trasferimento a Roma
Nel 1919 Vermeersch viene a Roma, chiamato per insegnare alla Pontificia Università Gregoriana. La rivista lo segue e presto si notano i primi cambiamenti. Con il nono volume del 1920 viene denominata Periodica de re canonica et morali utilia praesertim religiosis et missionariis. L’argomento della rivista è sempre incentrato sulla vita religiosa, ma l’interesse si allarga ad altri approcci, non più soltanto quello del diritto canonico, ma anche della teologia morale.

3. Anni successivi
Nel 1927 il cambiamento del titolo della rivista testimonia un nuovo allargamento d’interesse: Periodica de re morali, canonica, liturgica. Si apre così la collaborazione, oltre che ai canonisti e ai moralisti, anche ai liturgisti. Non soltanto, oltre che alla vita religiosa, l’interesse si allarga alla vita di tutta la Chiesa, a quei problemi che possono interessare il diritto canonico, la teologia morale e la liturgia. Nessun argomento prevale sull’altro. Il contenuto coincide con i problemi che in certi periodi emergono nella vita della Chiesa. Inoltre diversi autori che scrivono per la rivista influiscono sulla scelta dei temi e sulla qualità degli articoli. Occorre qui ricordare che prima del Concilio Vaticano II i tre campi di indagine (diritto canonico, teologia morale, liturgia) non hanno tra loro una netta e chiara distinzione come dopo il Concilio.

4. Dopo il Concilio Vaticano II
Dopo il Concilio, tuttavia, la teologia morale e la liturgia affrontano nuovi problemi e così gli argomenti, trattati da queste tre discipline sacre, si distinguono sempre di più. Per ogni disciplina si verifica una sempre maggiore specializzazione, tanto che i moralisti e i liturgisti della Gregoriana cominciano a scrivere su altre riviste più specifiche dei rispettivi campi. Non soltanto, ma la scelta di molti autori è dettata anche dall’uso della lingua: gli articoli di Periodica sono scritti in latino, lingua sempre meno frequentata, mentre altre riviste accettano articoli in lingue diverse. Nella Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università Gregoriana il latino continua ad essere la lingua ufficiale. Pertanto i canonisti non trovano alcuna difficoltà. La conseguenza è la perdita progressiva di articoli di teologia morale e di liturgia. Il titolo rimane lo stesso, ma il contenuto ritorna all’originale campo di interesse.
Tra il 1967 e il 1980 la suddivisione in due sezioni si attenua: si dà sempre meno spazio ai Monumenta con informazioni sui documenti importanti della Santa Sede e cresce il numero degli articoli originali. Si comincia anche a pubblicare decreti e sentenze della Segnatura Apostolica e della Sacra Rota Romana.
Intanto cresce anche la presenza di interventi sul ruolo e sul significato dei documenti del Vaticano II e della relativa dottrina. La rivista offre così materiale di approfondimento che diverrà base per il nuovo Codice di Diritto Canonico.

5. Dopo la redazione del Codice del 1983
Dal 1981 al 1992 si completa un lavoro molto importante, la redazione del nuovo Codice. Intanto si riapre la sezione Monumenta, che riporta testi importanti della Santa Sede, in forma di brevi sommari. Il titolo cambia di nuovo, è il terzo nella breve storia della rivista: Periodica de re canonica. Dal 1991 questo nuovo titolo si riadatta al contenuto rinnovato.
Tra il 1993 e il 1995 la rivista apre anche alle altre lingue ufficiali della Gregoriana. Pertanto la maggior parte degli articoli sarà scritta in italiano, ma saranno presenti anche articoli in francese, inglese, spagnolo e tedesco. Naturalmente, per gli autori che lo vogliono, rimane lo spazio aperto per il latino. Non ci sono più i Monumenta, ma si apre una sezione bibliografica. Si dà così modo al lettore di conoscere non soltanto i documenti della Santa Sede (certamente fondamentali per un canonista), ma anche libri, articoli, interventi importanti in materia di diritto canonico. Naturalmente continua l’attenzione ai documenti della Segnatura Apostolica e della Rota Romana.