dossier
in evidenza
Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 3, dicembre2016

Diritto & Religioni , Num. 2, 2016

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 8-11, marzo2017

Revista general de derecho canónico y eclesiástico del Estado, Num. 43, gennaio2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 4-7, febbraio2017


ultimi documenti
Sentenza 6 febbraio 2017
n. 31
(Spagna: divieto di indossare il velo. Violazione del diritto di libertà religiosa e discriminazione per motivi religiosi in ambito lavorativo - Tribunale)

Ordinanza 1 marzo 2017
n. 5250
(Sesta Sezione Civile: È esclusa la possibilità di eccepire d'ufficio la convivenza triennale ai fini della trascrizione della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale. - Corte di Cassazione)

Sentenza 23 marzo 2017
n. 7468
(Prima Sezione Civile: L'organizzazione di uno spettacolo artistico non può costituire, di per sé sola, violazione del personale sentimento religioso del singolo cittadino. - Corte di Cassazione)

Sentenza 7 aprile 2017
n. 67
(Edilizia di culto: illegittimità costituzionale dell'art. 2 della legge della Regione Veneto 12 aprile 2016, n. 12 - Corte Costituzionale)

Protocollo di intesa 10 maggio 2016 (Protocollo di intesa tra Regione Marche, Conferenza Episcopale Marchigiana e Segretariato Regionale del MIBACT per le Marche - Regione Marche - Conferenza Episcopale Marchigiana)

Protocollo di intesa 20 aprile 2015 (Protocollo di intesa tra Regione Marche e Regione Ecclesiastica Marche per la valorizzazione socio educativa degli oratori e degli enti religiosi che svolgono attività similari - Regione Marche - Regione Ecclesiastica Marche)

Protocollo di intesa 20 aprile 2015 (Protocollo d'intesa tra Regione Marche e Regione Ecclesiastica Marche per l'assistenza ai sacerdoti anziani - Regione Marche - Regione Ecclesiastica Marche)

Legge 15 marzo 2017
n. 33
(Contrasto alla povertà: pubblicata in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 70 del 24 marzo 2017) la legge delega che istituisce il c.d. reddito di inclusione. - Parlamento)

Decreto ministeriale 27 febbraio 2017 (Unioni civili: pubblicate le formule per la redazione degli atti dello stato civile. - Ministero dell'Interno)

Sentenza 27 marzo 2017
n. 1388
(Le benedizioni religiose a scuola sono legittime. - Consiglio di Stato)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Sentenza 14 marzo 2017,n.C-188/15 (La volontà del datore di lavoro di tener conto del desiderio di un cliente che i servizi non siano assicurati da una dipendente che indossa un velo islamico non può ritenersi requisito essenziale e determinante per lo svolgimento dell'attività. - Corte di Giustizia delle Comunità Europee)

Report 24 giugno 2015 (Propositions des maires de France en faveur de la laïcité - Association des maires de France)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Protocollo addizionale 18 febbraio 1984
Protocollo addizionale all'Accordo che modifica il Concordato lateranense

Autore: Santa Sede - Italia
Data: 18 febbraio 1984
Argomento: Rapporti Stato - Confessioni religiose
Dossier: Concordati Giovanni Paolo II
Nazione: Italia
Parole chiave: Religione cattolica, Religione di Stato, Cura d'anime, Ordinari, Parroci, Vicari parrocchiali, Sacerdoti, Procedimenti penali, Autorità ecclesiastica, Comunicazione, Matrimonio canonico, Trascrizione, Impedimenti, Religione cattolica, Insegnamento, Programmi, Regioni di confine, Dottrina della Chiesa, Conformità

PROTOCOLLO ADDIZIONALE all'Accordo che modifica il Concordato lateranense
Firmato il 18 febbraio 1984
Pubblicato in AAS 77 (1985), pp. 521-546

Al momento della firma dell'Accordo che apporta modificazioni al Concordato lateranense la Santa Sede e la Repubblica italiana, desiderose di assicurare con opportune precisazioni la migliore applicazione dei Patti lateranensi e delle convenute modificazioni, e di evitare ogni difficoltà di interpretazione, dichiarano di comune intesa:

1. In relazione all'Art. 1
Si considera non più in vigore il principio, originariamente richiamato dai Patti lateranensi, della religione cattolica come sola religione dello Stato italiano.

2. In relazione all'Art. 4
a) Con riferimento al n. 2, si considerano. in cura d'anime gli Ordinari, i parroci, i vicari parrocchiali, i rettori di chiese aperte al culto ed i sacerdoti stabilmente addetti ai servizi di assistenza spirituale di cui all'art. 11.
b) La Repubblica italiana assicura che l'autorità giudiziaria darà comunicazione all'autorità ecclesiastica competente per territorio dei procedimenti penali promossi a carico di ecclesiastici.
c) La Santa Sede prende occasione dalla modificazione del Concordato lateranense per dichiararsi d'accordo, senza pregiudizio dell'ordinamento canonico, con l'interpretazione che lo Stato italiano dà dell'art. 23, secondo comma, del Trattato lateranense, secondo la quale gli effetti civili delle sentenze e dei provvedimenti emanati da autorità ecclesiastiche, previsti da tale disposizione, vanno intesi in armonia con i diritti costituzionalmente garantiti ai cittadini italiani.

3. In relazione all'Art. 7
a) La Repubblica italiana assicura che resterà escluso l'obbligo per gli enti ecclesiastici di procedere alla conversione di beni immobili, salvo accordi presidi volta in volta tra le competenti autorità governative ed ecclesiastiche, qualora ricorrano particolari ragioni.
b) La Commissione paritetica, di cui al n. 6, dovrà terminare i suoi lavori entro e non oltre sei mesi dalla firma del presente Accordo.

4. In relazione all'Art. 8
a) Ai fini dell'applicazione del n. 1, lett. b), si intendono come impedimenti inderogabili della legge civile:
1) l'essere uno dei contraenti interdetto per infermità di mente;
2) la sussistenza tra gli sposi di altro matrimonio valido agli effetti civili;
3) gli impedimenti derivanti da delitto o da affinità in linea retta.
b) Con riferimento al n. 2, ai fini dell'applicazione degli articoli 796 e 797 del codice italiano di procedura civile, si dovrà tener conto della specificità dell'ordinamento canonico dal quale è regolato il vincolo matrimoniale, che in esso ha avuto origine. In particolare:
1) si dovrà tener conto che i richiami fatti dalla legge italiana alla legge del luogo in cui si è svolto il giudizio si intendono fatti al diritto canonico;
2) si considera sentenza passata in giudicato la sentenza che sia divenuta esecutiva secondo il diritto canonico;
3) si intende che in ogni caso non si procederà al riesame del merito.
c) Le disposizioni del n. 2 si applicano anche ai matrimoni celebrati, prima dell'entrata in vigore del presente Accordo, in conformità alle. norme dell' art . 34 del Concordato lateranense e della legge 27 maggio 1929, n. 847, per i quali non sia stato iniziato il procedimento dinanzi all'autorità giudiziaria civile, previsto dalle norme stesse.

5. In relazione all'Art. 9
a) L'insegnamento della religione cattolica nelle scuole indicate al n. 2 è impartito - in conformità alla dottrina della Chiesa e nel rispetto della libertà di coscienza degli alunni - da insegnanti che siano riconosciuti idonei dall'autorità ecclesiastica, nominati, d'intesa con essa, dall'autorità scolastica.
Nelle scuole materne ed elementari detto insegnamento può essere impartito dall'insegnante di classe, riconosciuto idoneo dall'autorità ecclesiastica, che sia disposto a svolgerlo.
b) Con successiva intesa tra le, competenti autorità scolastiche e la Conferenza Episcopale Italiana verranno determinati:
1) i programmi dell'insegnamento della religione cattolica per i diversi ordini e gradi delle scuole pubbliche ;
2) le modalità di organizzazione di tale insegnamento, anche in relazione alla collocazione nel quadro degli orari delle lezioni;
3) i criteri per la scelta dei libri di testo;
4) i profili della qualificazione professionale degli insegnanti.
c) Le disposizioni di tale articolo non pregiudicano il regime vigente nelle regioni di confine nelle quali la materia è disciplinata da norme particolari.

6. In relazione all'Art. 10
La Repubblica italiana, nell'interpretazione del n. 3 che non innova l'art. 38 del Concordato dell'11 febbraio 1929 - si atterrà alla sentenza 195 / 1972 della Corte Costituzionale relativa al medesimo articolo.

7. In relazione all'Art. 13 n.1
Le Parti procederanno ad opportune consultazioni per l'attuazione, nel rispettivo ordine, delle disposizioni del presente Accordo.
Il presente Protocollo addizionale fa parte integrante dell'Accordo che apporta modificazioni al Concordato lateranense. contestualmente firmato tra la Santa Sede e la Repubblica italiana.

Roma, diciotto febbraio millenovecentottantaquattro.
AGOSTINO CARD. CASAROLI B. CRAXI