dossier
in evidenza
Cañamares Arribas Santiago, Igualdad religiosa en las relaciones laborales

Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero, Annali di Diritto Vaticano 2018

Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela, Religioni, diritto e regole dell'economia

Mantineo Antonino - Montesano Stefano, L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti

Zuanazzi Ilaria - Ruscazio Maria Chiara, Le relazioni familiari nel diritto interculturale


Diritto & Religioni , Num. 1, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 35-38, novembre2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2018

Apollinaris, Num. 1, 2017

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 30-34, ottobre2018


ultimi documenti
Guidance 11 dicembre 2018 (Pastoral Guidance for use in conjunction with the Affirmation of Baptismal Faith in the context of gender transition - Church of England)

Regolamento 27 novembre 2018 (Regolamento delle scuole dell'infanzia del Comune di Trieste - Comune)

Sentenza 4 giugno 2018
n. 584 U.S. (2018)
(Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission. Corte suprema, free speech clause e free exercise clause - Corte suprema)

Motu proprio 7 dicembre 2018
n. CCLXXIV
(Legge sul Governo dello Stato della Città del Vaticano - Pontefice)

Ordinanza 17 novembre 2018
n. 207/2018
(Vicenda Cappato: le motivazioni dell'ordinanza di rinvio della Corte Costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 14 novembre 2018
n. C-342/17
(Divieto alle imprese private di esercitare attività di conservazione di urne cinerarie. Corte di Giustizia UE e libertà di stabilimento - Corte di Giustizia)

Delibera 28 marzo 2018
n. 365/2018
(Visita ispettiva effettuata dalla Guardia di Finanza, su delega dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, presso l’Opera Laica Santa Croce di Firenze - ANAC)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2747/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2807/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Sentenza 6 novembre 2018
n. C-622-623/16
(Obbligo di recupero degli aiuti illegali concessi sulla base dell'esenzione dall'ICI. Corte di Giustizia UE e aiuti di Stato - Corte di Giustizia)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)


Religioni, diritto e regole dell'economia, Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela

L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti, Mantineo Antonino - Montesano Stefano

Le relazioni familiari nel diritto interculturale, Zuanazzi Ilaria - Ruscazio Maria Chiara

Annali di Diritto Vaticano 2018, Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero

Fenomeni migratori, diritti umani e libertà religiosa, Ingoglia Antonio - Ferrante Mario


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Interrogazione 15 maggio 1998
Interrogazione parlamentare sul rapporto della Direzione centrale polizia di prevenzione

Autore: Camera dei Deputati
Data: 15 maggio 1998
Argomento: Nuovi movimenti religiosi
Nazione: Italia
Parole chiave: Soka Gakkai, Discriminazione, Fini illeciti

Camera dei Deputati. Interrogazione parlamentare degli onorevoli Giovine e Maselli ai Ministeri dell’Interno, di Grazia e Giustizia e degli Affari Esteri sul rapporto della Direzione centrale polizia di prevenzione "Sette religiose e nuovi movimenti magici in Italia", 15 maggio 1998.

(Da "Atti Parlamentari" - XIII Legislatura - Allegato B ai Resoconti - Seduta del 15 maggio 1998)

Giovine e Maselli. - Ai Ministri dell'Interno, di Grazia e Giustizia e degli Affari Esteri - Per sapere - premesso che:

circa due anni fa, la Divisione Generale degli Affari dei Culti del ministero dell'Interno produsse un elenco di 33 confessioni religiose ed enti di culto, informando che questa prima parziale lista era in corso di completamento, sulla base di richieste specifiche fatte all'attuale Ministro dell'Interno da organi parlamentari;

in data 29 aprile 1998, l'agenzia Ansa divulgava ampi stralci di un rapporto della Direzione centrale polizia di prevenzione (Dipartimento della pubblica sicurezza) su "Sette religiose e nuovi movimenti magici in Italia", rapporto recante la data febbraio 1998. In tale rapporto si procede ad una valutazione generale delle "sette" in relazione all'articolo 8 della Costituzione, e si esprimono giudizi su alcune di esse, anche in base alla loro eventuale pericolosità. In alcuni casi, pur trattandosi di gruppi che "non hanno mai dato adito a rilievi di sorta (e che) esuleranno quindi dalla nostra analisi" (pagina 9 del rapporto), si esprimono giudizi e si creano connessioni logiche che possono autorizzare, una volta divulgate dai media, un giudizio negativo e un allarme sociale;

nel caso della pratica della Soka Gakkai, associazione buddista che conta in Italia 22.000 membri, si osserva nel rapporto che si tratta di "dottrine e pratiche rituali spesso molto distanti dalle confessioni di origine", quasi a indicarne una valenza eretica, aggiungendo in particolare che nel caso del "buddismo della Soka Gakkai, basato sul Sutra del Loto, la massima autorità buddista sulla Terra, il Dalai Lama, non (la) riconosce", adombrando così una specie di scomunica di una autorità religiosa che in realtà è tale solo per una delle numerose denominazioni buddiste;

a rafforzare nell'opinione pubblica la netta impressone che i movimenti religiosi di origine asiatica diventino "pericolosi" appena trapiantati in Italia, magari da "personaggi ambigui o con intenzioni truffaldine" che si accreditano come "guru", a pagina 14 del rapporto si legge che occorre tenere conto che "molte delle nuove sette importate dall'estero hanno assunto una fisionomia affatto diversa da quella della patria di origine" con la sottolineatura che "la Soka Gakkai italiana appare molto distante (anzi, sembra sia stata addirittura "scomunicata") dalla "Casa madre" giapponese". Con questo tipo di presentazione, si induce inequivocabilmente l'impressione che la Soka Gakkai sia in qualche modo "eretica" e quindi potenzialmente pericolosa, contraddicendo la precedente affermazione secondo cui non si riteneva doversene occupare nel rapporto in esame;

la tradizione plurisecolare del buddismo di Nichiren è riconosciuta in tutto il mondo come facente parte del movimento religioso buddista. L'Associazione italiana Soka Gakkai, che pratica gli insegnamenti di Nichiren, è in Italia in costanti e amichevoli rapporti con l'Unione buddista italiana (ente religioso riconosciuto con decreto del Presidente della Repubblica 3 gennaio 1991) che raggruppa 32 centri italiani che praticano il buddismo secondo le tradizioni Theravada (Sud-est asiatico), Mahayana Zen (Estremo Oriente), Vajrajana (Tibet). L'UBI ha in corso da tempo una trattativa per un'intesa con lo Stato italiano ai sensi dell'articolo 8 della Costituzione, intesa analoga a quelle già esistenti con altri culti ammessi:

se il Governo sia al corrente del contenuto del rapporto intitolato "Sette religiose e nuovi movimenti magici in Italia";

quali esperti e studiosi siano stati consultati per la stesura di detto rapporto e con quali criteri essi siano stati selezionati;

se il Governo condivida l'impianto ideologico, le valutazioni, le scelte che le discriminazioni e risultano nel rapporto;

se il Governo ritenga che la compilazione e la diffusione ai media di questo rapporto è lesiva dei diritti sanciti dall'articolo 8 della Costituzione e crei un clima generalizzato di intimidazione e di discriminazione che risulta lesivo delle libertà individuali degli adulti affiliati simpatizzanti di alcune almeno delle "sette" elencate;

se non si ritenga che il codice penale vigente non tuteli a sufficienza i cittadini dall'azione di singoli che agiscano, in qualsiasi campo, e non solo in quello "religioso", per il perseguimento di fini illeciti.