dossier
in evidenza
Serra Beatrice, Ad normam iuris. Paradigmi della legalità nel diritto canonico

Cañamares Arribas Santiago, Igualdad religiosa en las relaciones laborales

Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero, Annali di Diritto Vaticano 2018

Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela, Religioni, diritto e regole dell'economia

Mantineo Antonino - Montesano Stefano, L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti


Anuario de Derecho Eclesiástico del Estado, Num. 34, 2018

Diritto & Religioni , Num. 1, 2018

Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Num. 35-38, novembre2018

Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, Num. 2, agosto2018

Apollinaris, Num. 1, 2017


ultimi documenti
Guidance 11 dicembre 2018 (Pastoral Guidance for use in conjunction with the Affirmation of Baptismal Faith in the context of gender transition - Church of England)

Ordinanza 12 settembre 2018
n. 22218/18
(Efficacia della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale in caso di volontà espressa di un coniuge di escludere l'indissolubilità del vincolo. Corte di Cassazione e vizio del consenso - Corte di Cassazione - Civile)

Regolamento 27 novembre 2018 (Regolamento delle scuole dell'infanzia del Comune di Trieste - Comune)

Sentenza 4 giugno 2018
n. 584 U.S. (2018)
(Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission. Corte suprema, free speech clause e free exercise clause - Corte suprema)

Motu proprio 7 dicembre 2018
n. CCLXXIV
(Legge sul Governo dello Stato della Città del Vaticano - Pontefice)

Ordinanza 17 novembre 2018
n. 207/2018
(Vicenda Cappato: le motivazioni dell'ordinanza di rinvio della Corte Costituzionale - Corte Costituzionale)

Sentenza 14 novembre 2018
n. C-342/17
(Divieto alle imprese private di esercitare attività di conservazione di urne cinerarie. Corte di Giustizia UE e libertà di stabilimento - Corte di Giustizia)

Delibera 28 marzo 2018
n. 365/2018
(Visita ispettiva effettuata dalla Guardia di Finanza, su delega dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, presso l’Opera Laica Santa Croce di Firenze - ANAC)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2747/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)

Decisione 17 ottobre 2018
n. 2807/2016
(La legge francese in materia di velo islamico. Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e il necessario equilibrio tra libertà di religione e esigenze di sicurezza - United Nation Human Rights)


i più letti
Accordo 29 novembre 2005 (Accordo fra la Santa Sede e la Città Libera e Anseatica di Amburgo - Santa Sede - Città Libera e Anseatica di Amburgo)

Legge 22 novembre 1988,n.516 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno - Parlamento)

Legge 10 novembre 1992,n.25 (Ley 25/1992, de 10 de noviembre, por la que se aprueba el acuerdo de cooperación del estado con la Federación de comunidades israelitas de España - Parlamento)

Accordo 17 marzo 2008 (Accordo tra la Santa Sede ed il Principato di Andorra - Santa Sede - Principato di Andorra)

Legge 8 marzo 1989,n.101 (Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l’Unione delle Comunità ebraiche italiane - Parlamento)


Ad normam iuris. Paradigmi della legalità nel diritto canonico, Serra Beatrice

Annali di Diritto Vaticano 2018, Dalla Torre Giuseppe - Milano Gian Piero

Religioni, diritto e regole dell'economia, Dammacco Gaetano - Ventrella Carmela

L'Islam. Dal pregiudizio ai diritti, Mantineo Antonino - Montesano Stefano

Fenomeni migratori, diritti umani e libertà religiosa, Ingoglia Antonio - Ferrante Mario


documentiindietro

ricerca avanzata elenco argomentielenco documentistampa

Delibera 03 giugno 2002, n. 561
Definizione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) - Determinazioni applicative

Autore: Regione Toscana
Data: 3 giugno 2002
Argomento: Circoncisione rituale
Nazione: Italia
Parole chiave: Livelli essenziali, Assistenza sanitaria, Cittadini, Erogabilità, Prestazioni, Salute, Circoncisione, Rituale, Maschile, Nomenclatore tariffario, Fini religiosi

Regione Toscana - Giunta regionale. Delibera n. 561 del 3 giugno 2002: "Definizione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) - Determinazioni applicative".

LA GIUNTA REGIONALE
Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive modifiche ed integrazioni;
Visto il nomenclatore tariffario regionale della specialistica ambulatoriale, adottato con delibera di GR 229/97, e successive modifiche ed integrazioni, di seguito nominato nomenclatore tariffario;
Visto l’accordo 22 novembre 2001 tra Governo, Regioni e Provincie autonome di Trento e Bolzano sui livelli essenziali di assistenza sanitaria;
Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 novembre 2001 recante“ definizione dei livelli essenziali di assistenza“, (LEA) attuativo dell’accordo sopra richiamato, che individua:
• nell’allegato 1 i Livelli Essenziali di Assistenza Sanitaria da garantire a tutti i cittadini;
• nell’allegato 2 A le prestazioni totalmente escluse dai livelli essenziali di Assistenza Sanitaria;

(omissis)

Viste altresì le indicazioni per l’applicazione dei Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria, di seguito definiti LEA, riportate nell’allegato 3 e nell’allegato 4 del DPCM citato;
Osservato in particolare, nello stesso allegato 4, il richiamo al principio della appropriatezza, a cui si ispira complessivamente tutto l’impianto normativo del DPCM citato, e in particolare l’impegno chiesto alle Regioni perché negli indirizzi applicativi dello stesso decreto prevedano, in relazione alle prestazioni sanitarie ivi contenute, le opportune condizioni di erogabilità, per assicurare il massimo rispetto del principio dell’appropriatezza, avendo a riferimento in particolare i criteri di urgenza e complessità delle prestazioni, della fragilità sociale e della accessibilità territoriale;
Atteso che il nuovo Piano sanitario regionale 2002/2004 si pone come obiettivo, tra l’altro, la erogazione tempestiva e qualificata delle prestazioni sanitarie in relazione all’effettivo bisogno di salute, classificando la domanda secondo criteri di necessità ed urgenza e dando indicazioni per una gestione delle liste di attesa sulla base del criterio della appropriatezza; proponendo precise azioni in merito anche nei settori indicati dallo stesso DPCM citato; e che pertanto nei confronti degli stessi, per quanto non predisposto dal presente atto, saranno date indicazioni in armonia con gli indirizzi dello stesso Piano sanitario citato;
Ritenuto urgente e prioritario dover dare prime indicazioni, per una omogenea e corretta applicazione regionale, in merito a quanto disposto dall’allegato 2A “prestazioni totalmente escluse dai LEA” del DPCM citato secondo quanto di seguito segnalato:

(omissis)

2. in merito alla prestazione di cui al punto b) “circoncisione rituale maschile”, si segnala che con proprio precedente atto, delibera 268/2002, la prestazione di “circoncisione” è stata inserita nel nomenclatore tariffario con il “codice 64.0”, si ritiene pertanto di dover garantire la medesima prestazione anche quando erogata a fini religiosi;

(omissis)