Macellazione rituale

La religione ebraica e quella musulmana prevedono che la carne, per potere essere lecitamente consumata dai propri fedeli, debba provenire da un animale macellato secondo alcune regole precise: esse sono volte a sottolineare il significato sacro che accompagna l'uccisione di ogni essere vivente e, almeno in passato, servivano ad assicurare il rispetto di alcune essenziali condizioni igieniche e sanitarie.  


La macellazione rituale è divenuta di recente oggetto di dibattiti e polemiche perché, secondo una larga parte dell'opinione pubblica e degli esperti, il rispetto delle regole religiose implica un incremento della sofferenza dell'animale: questi infatti viene immobilizzato secondo tecniche particolari e viene ucciso senza essere previamente stordito. Il problema è acuito dall'immigrazione in Europa occidentale di un largo numero di musulmani, che ha conferito alla macellazione rituale un rilievo quantitativo sconosciuto fino a pochi anni or sono. In alcuni paesi (per esempio la Francia) i mattatoi non sono in grado di far fronte alla domanda di macellazioni rituali in occasione di alcune festività musulmane: queste macellazioni vengono quindi compiute in maniera incontrollata, suscitando comprensibili reazioni.

Dal punto di vista giuridico il nocciolo del problema si colloca dunque nella compatibilità tra il diritto di libertà religiosa (che sta alla base della macellazione rituale) ed il rispetto degli animali, che impone di risparmiare loro ogni sofferenza evitabile. Le leggi della maggior parte dei paesi europei (tra cui l'Italia) prevedono apposite deroghe per rendere possibile la macellazione rituale senza previo stordimento dell'animale.

A questo proposito, è utile ricordare che, nonostante la pressione delle associazioni per la protezione degli animali, la proposta di regolamento del Consiglio dell'Unione europea (Regulation on the protection of animals at the time of killing), che è attualmente in fase di approvazione e che abrogherà la Direttiva 93/119/CE del 22 dicembre 1993 relativa alla protezione degli animali durante la macellazione o l'abbattimento, ribadisce l'importanza di tenere in considerazione le esigenze particolari di certi riti religiosi e mantiene la disposizione, già contenuta nella Direttiva, secondo la quale gli Stati Membri possono concedere una deroga all'obbligo di stordire previamente gli animali sottoposti a particolari metodi di macellazione richiesti da determinati riti religiosi.
(S. Ferrari, D. Milani e R. Bottoni)


analisi e approfondimenti

ANALISI


APPROFONDIMENTI

  • Rassegna bibliografica a cura di Daniela Milani
  • F. Bergeaud-Blackler, L’encadrement de l’abattage rituel industriel dans l’Union Européenne: limites et perspectives, in “Politique Européennes“, vol. 24, no. 1, mars 2008, pp. 103-122
  • F. Bergeaud-Blackler, Halal: d'une norme communautaire à une norme institutionnelle, in "Le Journal des Anthropologues", no. 106-107, 2006, pp. 77-103
  • F. Bergeaud-Blackler, Nouveaux enjeux autour de l'abattage rituel musulman: une perspective européenne, in "Cahiers d'économie et sociologie rurales", n. 73, 2004, pp. 5-33
  • F. Bergeaud-Blackler, Religious slaughter: a European perspectives , in “Journal of Ethnic and Migration Studies“, vol. 33, issue 6, 2007, pp. 965-980
  • K. Bonne, I. Vermeir, F. Bergeaud-Blackler, W. Verbeke, Determinants of halal meat consumption in France, in "British Food Journal", vol. 109, issue 5, 2007, pp. 367-386
  • J. Curnutt, Animal and the Law: A Sourcebook, Santa Barbara, ABC-CLIO, 2001
  • S. Drache, Ritual Slaughter, Quarry Press, 1989
  • V. Iacovella, Islam da vicino, Messian-Firenze, G. D'Anna, 2006
  • R. Judd, Contested Rituals: Circumcision, Kosher Butchering and Jewish Political Life in Germany 1843-1933, Cornell University Press, 2007
  • P. Lerner e A. M. Rabello, The Prohibition of Ritual Slaughtering (Kosher Shechita and Halal) and Freedom of Religion of Minorities, in "Journal of Law and Religion", vol. 22, 2007, pp. 1-62
  • O. Marchisio (a cura di), Religione come cibo e cibo come religione, Milano, Franco Angeli, 2009
  • P. Lerner – A.M. Rabello, Il divieto di macellazione rituale (shechità kosher e halal) e la libertà religiosa delle minoranze CEDAM, 2010 (recensione per OLIR.it di Giancarlo Vesce, Della sofferenza degli animali macellati pietosamente, marzo 2011)
  • Cenci Goga B. e Fermani A.G., La macellazione religiosa. Protezione degli animali e produzione igienica della carne, 2010
  • A.G. Chizzoniti e M. Tallacchini (a cura di), Cibo e religione: diritto e diritti, Libellula Edizioni, Tricase (Le) (2010)

  Nel web:

(Rossella Bottoni)