Turchia

Con l’eccezione del Senegal, la Repubblica di Turchia è l’unico paese, con una popolazione a stragrande maggioranza musulmana, ad aver costituzionalizzato il principio di laicità. Diversamente dall’ex colonia francese, però, esso non è un mero criterio regolatore dei rapporti tra Stato e confessioni religiose, ma è assurto a strumento di garanzia del regime democratico e della pace sociale del paese. Come è stato affermato dalla Corte Costituzionale turca, la laicità (laiklik) "è una delle condizioni indispensabili della democrazia in ragione dell’esperienza storica del paese e delle peculiarità della religione musulmana. Essa vieta allo Stato di manifestare una preferenza per una religione o una credenza precisa e costituisce il fondamento della libertà di coscienza e dell’uguaglianza dei cittadini davanti alla legge. Infatti, con l’adesione al principio di laicità, i valori fondati sulla ragione e sulla scienza hanno sostituito quelli dogmatici, accelerando il processo di civilizzazione, e permettendo alle persone di credenze diverse di vivere insieme, grazie all’atteggiamento egualitario delle autorità pubbliche nei loro confronti. La laicità è l’essenza filosofica della vita nel paese".


Tale nozione acquista un particolare rilievo non solo nel contesto interno della Turchia, ma anche in ragione dell’attuale situazione internazionale. Il problema della definizione della laicità e della sua relazione dialettica con la libertà religiosa, così come i suoi effetti sulla coesione sociale e sulla creazione di un sistema di valori fondamentali, accettati dalla maggioranza della popolazione, sono questioni cruciali ove si consideri la diffusione dei movimenti integralisti e la destabilizzazione di diversi paesi con una popolazione a maggioranza musulmana. Questa crisi ha ripercussioni sugli stessi paesi dell’Unione europea, a causa della presenza di un numero sempre maggiore di immigrati – e futuri cittadini – di religione islamica le cui esigenze di libertà religiosa sono a volte difficili (se non impossibili) da conciliare con i principi fondamentali degli ordinamenti giuridici degli Stati europei.

A questo proposito, è utile ricordare che la Repubblica di Turchia è uno dei pochi paesi musulmani membri del Consiglio d’Europa fin dal 1949, ed è anche uno degli Stati candidati all'adesione all’Unione europea. Benché tale processo si stia rilevando molto lungo e difficoltoso, dopo la sua conclusione, questo paese diventerebbe l’unico Stato membro con una popolazione a grandissima maggioranza islamica. In un documento del 2004, significativamente intitolato “Questioni derivanti dalla prospettiva dell’adesione della Turchia”, la Commissione europea ha osservato che, “in quanto paese musulmano laico, con una democrazia funzionante”, la Turchia costituisce “un fattore di stabilità nella regione” e “contribuisce alla sicurezza dell’Europa e dei suoi vicini”. La Commissione è consapevole del fatto che l’ingresso della Turchia nell’Unione europea costituisce una sfida, ma al tempo stesso, tale adesione porterebbe con sé delle grandi opportunità: infatti, se il paese riuscisse a progredire sul sentiero della democrazia – una democrazia che combini il carattere laico dello Stato con una base socio-culturale musulmana – potrebbe offrire un buon esempio agli altri paesi nella regione, mentre il successo dell’integrazione della Turchia in Europa proverebbe una volta per tutte al "mondo musulmano" (ma anche a quello "occidentale") che le credenze religiose islamiche sono compatibili con i valori dell’Unione europea. (Rossella Bottoni)

approfondimenti

APPROFONDIMENTI

Rapporti


Focus



Indicazioni bibliografiche

Storia della Turchia, con particolare riferimento al processo di secolarizzazione

  • Taner Akçam, Nazionalismo turco e genocidio armeno. Dall’Impero ottomano alla Repubblica, Guerini e Associati, Milano, 2005
  • Niyazi Berkes, The development of secularism in Turkey, McGill University Press, Montreal, 1982
  • Arnaldo Bertola, Il regime dei culti in Turchia. Volume I. Il regime giuridico dei culti nell’Impero ottomano, SEI, Torino, 1927
  • Rossella Bottoni, La liberté religieuse en Turquie de la fin de l’Empire ottoman à la fondation de la République laïque, in Brigitte Basdevant-Gaudemet, François Jankowiak (dir.), “ Le droit ecclésiastique en Europe et à ses marges (XVIIIe-XXe siècles). Actes du colloque du centre Droit et Sociétés religieuses, Université de Paris-Sud Sceaux, 12-13 octobre 2007”, Peeters, Leuven, 2009, pp. 23-36
  • Rossella Bottoni, La modernizzazione della Turchia e l’Europa, in Andrea Piras (a cura di), “L’Europa oltre l’Europa. Crociate, missioni, colonie”, Il Cerchio, Rimini, 2009, pp. 103-124
  • Rossella Bottoni, The origins of secularism in Turkey, in “Ecclesiastical Law Journal”, 2007, vol. 9, no. 2, pp. 175-186
  • Rossella Bottoni, Secolarizzazione e modernizzazione nell’Impero ottomano e nella Repubblica di Turchia: alle origini del principio di laicità, in “Rivista di Studi Politici Internazionali”, 2007, n. 2, pp. 242-260
  • Bernard Lewis, The emergence of modern Turkey, Oxford University Press, Oxford, 2002 [1961]
  • Kemal H. Karpat, The politicization of Islam. Reconstructing identity, state, faith, and community in the late Ottoman state, Oxford University Press, Oxford, 2001

Libertà religiosa e principio costituzionale di laicità

  • Rossella Bottoni, Le sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo I. A. e Aydin Tatlav: una riconsiderazione del rapporto tra libertà religiosa e laicità in Turchia?, in “Quaderni di diritto e politica ecclesiastica”, 2006, n. 3, pp. 827-842
  • Emre Öktem, La Turquie et les dimensions internationales de la liberté religieuse, in “Quaderni di diritto e politica ecclesiastica”, 1/2002, pp. 263-292

Simboli religiosi

  • Nermin Abadan-Unat (ed.), Women in Turkish society, E. J. Brill, Leiden, 1981
  • Leila Ahmed, Women and gender in Islam. Historical roots of a modern debate, Yale University Press, New Haven, 1992
  • Angiolo Boncompagni, Il velo islamico di fronte alla Corte europea dei diritti dell’uomo tra laicità e pluralismo, in «Rivista di studi politici internazionali», 1/2007, n. 293, pp. 101-119
  • Rossella Bottoni, Brevi considerazioni sul principio di laicità in Turchia alla luce dei recenti sviluppi, in “Quaderni di diritto e politica ecclesiastica”, 2008, n. 2, pp. 431-444
  • Rossella Bottoni, Laicità dello Stato e simboli religiosi nella Repubblica di Turchia, in Edoardo Dieni, Alessandro Ferrari, Vicenzo Pacillo (a cura di), “I simboli religiosi tra diritto e culture”, Giuffrè, Milano, 2006, pp. 353-385
  • Laurence Burgogue-Larsen e Edouard Dubout, Le port du voile à l’université. Libres propos sur l’arrêt de la Grande Chambre Leyla Sahin c. Turquie du 10 novembre 2005, in «Revue trimestrielle des droits de l’homme», 2006, 66, pp. 183-215
  • Alev Çinar, Modernity, Islam, and secularism in Turkey. Bodies, places and time, University of Minnesota Press, Minneapolis, 2005
  • Valentina Cuccia, La manifestazione delle convinzioni religiose nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, in «La Comunità Internazionale», 2006, vol. XLI, n. 3, pp. 565-580
  • Nilufer Göle, The forbidden modern. Civilization and veiling, University of Michigan Press, Ann Arbor, 1996
  • Emelie A. Olson, Muslim identity and secularism in contemporary Turkey: “the headscarf dispute”, in “Anthropological Quarterly”, vol. 58, no. 4, October 1985, pp. 61-171
  • Elisabeth Özdalga, The veiling issue, official secularism and popular Islam in modern Turkey, Curzon, Richmond, 1998
  • Adil Özdemir, Kenneth Frank, Visible Islam in modern Turkey, Macmillan, Basingstoke, 2000
  • Diletta Tega, La Corte di Strasburgo torna a pronunciarsi sul velo islamico. Il caso Sahin c. Turchia, in “Quaderni costituzionali”, n. 4, dicembre 2004, pp. 846-849

Islam e politica

  • Soner Çagaptay, Islam, Secularism, and Nationalism in Modern Turkey, Routledge, London, 2006
  • Gianpaolo Fontana, La tutela costituzionale della società democratica tra pluralismo, principio di laicità e garanzia dei diritti fondamentali. (La Corte europea dei diritti dell’uomo e lo scioglimento del Refah Partisi), in “Giurisprudenza costituzionale”, 2002, vol. 47, pp. 379-394
  • Mustafa Koçak e Esin Örücü, Dissolution of Political Parties in the Name of Democracy: Cases from Turkey and the European Court of Human Rights, in “European Public Law”, vol. 9, no. 3, 2003
  • Dicle Kogacioglu, Dissolution of Political Parties by the Constitutional Court in Turkey: Judicial Delimitation of the Political Domain, in “International Sociology”, March 2003, vol. 18, no. 1, pp. 258-276
  • Ahmet T. Kuru, Reinterpretation of Secularism in Turkey: The Case of the Justice and Development Party, in M. Hakan Yavuz (ed.), "The Emergence of a New Turkey: Democracy and the AK Parti", University of Utah Press, Salt Lake City, 2006, pp. 136-159
  • Ahmet T. Kuru, Secularism and State Policies toward Religion: The United States, France, and Turkey, Cambridge University Press, Cambridge, 2009
  • Gilles Lebreton, L’islam devant la Cour européenne des droits de l’homme, in “Revue du droit public et de la science politique en France et à l’étranger”, n. 5, septembre-octobre 2002, pp. 1495-1510
  • Francesco Margiotta Broglio, Principio costituzionale di laicità e i partiti politici islamici nell’ordinamento della Turchia. A proposito di una recente sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo, in Andreas Weiss, Stefan Ihli (Hrgs.), “Flexibilitas iuris canonici. Festschrift für Richard Puza zum 60. Gerburtstag“, Frankfurt a. Mein, Peter Lang, 2003, pp. 817-827
  • Marco Parisi, Il caso Refah Partisi: il principio di laicità alla prova della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, in “Coscienza e libertà”, 2005, n. 39, pp. 63-105
  • Barbara Randazzo, Ancora sullo scioglimento del Refah Partisi turco: la Corte dei diritti non ci ripensa, in “Quaderni costituzionali”, n. 1, marzo 2004, pp. 173-174
  • Marco Ventura, Nuovi scenari nei rapporti tra diritto e religione: il ruolo della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, in “Rivista critica del diritto privato”, anno XX, n. 3, settembre 2002, pp. 461-471
  • M. Hakan Yavuz, Secularism and Muslim Democracy in Turkey, Cambridge University Press, Cambridge, 2009
  • M. Hakan Yavuz e John L. Esposito, Turkish Islam and the Secular State: The Gülen Movement, Syracuse University Press, Syracuse, 2003

Minoranze religiose

  • Samim Akgönül, Les grecs de Turquie. Processus d’extinction d’une minorité à l’âge de l’Etat-nation à l’âge de la mondialisation (1923-2001), Académia Bruylant, Louvain-la-Neuve, 2004
  • Samim Akgönül, Le Patriarcat grec orthodoxe de Constantinople. De l’isolément à l’internationalisation 1923-2003, Maisonneuve et Larose, Paris, 2005
  • Paul Dumont, Le statut des minorités non musulmanes et la notion de citoyenneté dans la Turquie républicaine, in Anna Baldinetti e Armando Pitassio (a cura di), “Dopo l’Impero ottomano. Stati-nazione e comunità religiose”, Rubbettino, Perugia, 2006, pp. 195-217
  • Elise Massicard, L’autre Turquie. Le mouvement alévi et ses territoires, PUF, Paris, 2005
  • Emre Öktem, Statut juridique des fondations des communautés non-musulmanes en Turquie. La nouvelle loi sur les fondations, in “Quaderni di diritto e politica ecclesiastica”, 2/2008, pp. 477-499
  • Tord Olsson, Elizabeth Özdalga, Catharina Raudvere, Alevi Identity. Cultural, Religious and Social Perspectives, Numune Matbaasi, Istanbul, 1998
  • Baskin Oran, National Sovreignty Concept: Turkey and its Internal Minorities, in “Cahiers d’études sur la méditerranéee orientale et le monde turco-iranien”, n. 36, 2003, pp. 33-62
  • David Shankland, The Alevi in Turkey. The emergence of a secular Islamic tradition, Routledge, London, 2003
  • Paul J. White, Jongerden Joost (eds.), Turkey's Alevi Enigma. A Comprehensive Overview, Brill Academic Pub, Leiden, 2003

Nel web